Attualità

Whatsapp, in arrivo la password che protegge le chat

Whatsapp sta pensando a una novità che dovrebbe riguardare una password a protezione delle chat. Ma vediamo insieme ciò che è stato anticipato da WaBetaInfo.

I programmatori dell’applicazione di messaggistica istantanea più famosa al mondo sembrano essere a lavoro per aumentare il livello di privacy dei miliardi di utenti che ogni giorno utilizzano Whatsapp.

Whatsapp: cos’è la password a protezione delle chat

Ogni chat di Whatsapp è protetta dalla crittografia end to end. Se siete a digiuno di tecnologia vi spieghiamo cosa significa. Questa protezione consente agli utenti di nascondere le loro chat a Whatsapp stesso e anche a terze parti.

Tuttavia la prudenza non è mai troppa, di conseguenza i programmatori stanno pensando di aumentare i livelli di protezione anche al backup in cloud. Ovvero gli archivi da cui è possibile recuperare le chat nel caso in cui si debba cambiare il cellulare.

Ad annunciare la novità, come sempre, il sito WaBetaInfo. Che per primo ha parlato di password a protezione dei suddetti archivi. Al momento infatti i backup in cloud non godono di nessuna protezione costituita da algoritmi. I backup vengono salvati e poi vanno su iCloud (iPhone) e su Google Drive (Android).

Entrambi i sistemi operativi in passato, nonostante la protezione fornita agli utenti, hanno concesso le chat alle forze dell’ordine impegnate in specifiche indagini. Ma come funzionerà questa password a cui stanno pensando gli sviluppatori di Whatsapp?

Sempre secondo WaBetaInfo, ogni utente potrà scegliere, in fase di salvataggio dei backup, una parola chiave composta da 8 caratteri. Quest’ultima verrà richiesta ogni volta che ci sarà una nuova installazione dell’applicazione.

In questo modo il livello di protezione degli archivi aumenterà considerevolmente. Rendendo quasi impossibile una violazione da parte di hacker o di chiunque entri in possesso di un cellulare. E per rimanere in tema: Whatsapp prossimamente non funzionerà più su questi smartphone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button