Curiosità

Arriva il volo “verso il nulla”: parte da Sydney e atterra a Sydney

Per risollevare le sorti della compagnia aerea australiana Qantas, i suoi vertici si sono inventati il “volo verso il nulla“. Ma non fatevi spaventare dalla parola “nulla”, perché in realtà una destinazione c’è. Ed è esattamente il punto di partenza.

Solitamente quando prendiamo un aereo lo facciamo per arrivare da qualche parte. L’aereo infatti copre grandi distanze in meno tempo rispetto agli altri mezzi di trasporto. È difficile quindi pensare di dover prendere un volo senza dover arrivare in un’altra meta.

Il volo verso il nulla: biglietti sold out in 10 minuti

Se quindi avete la fobia dell’aereo o prendete questo mezzo di trasporto solo quando è davvero necessario, questa iniziativa non fa per voi. Infatti è destinata esclusivamente a coloro che amano godersi qualche rilassante viaggio con questo mezzo di trasporto.

A causa della pandemia i danni economici che hanno subito le compagnie aeree sono stati davvero ingenti.Nello specifico, l’ammiraglia australiana ha avuto a che fare con una riduzione delle entrate di oltre il 20%, per un totale di 4 miliardi di dollari australiani.

Il Ceo del Gruppo Qantas, Alan Joyce, ha fatto sapere che la seconda metà dell’anno è stata in assoluto la problematica più difficile che la compagnia abbia affrontato nei suoi 100 anni di vita. Con l’obiettivo di risollevarne le sorti, i dirigenti hanno quindi pensato a un’iniziativa che è andata davvero a ruba.

E hanno organizzato il volo verso il nulla. Ovvero un viaggio di circa 7 ore, che inizierà a Sidney e terminerà a… Sidney. Durante il volo, che verrà effettuato con un Boeing 787 Dreamliner, che percorrerà un circuito a bassa quota, i passeggeri avranno la possibilità di ammirare alcune iconiche attrazioni.

Come la Grande Barriera Corallina, Uluru e il porto di Sidney. Come dicevamo l’idea è piaciuta tantissimo alla popolazione. Al punto che i biglietti sono finiti nel giro di 10 minuti. E stiamo parlando di biglietti dal costo di 570 dollari Usa per i posti economici e di 3787 quelli della business class.

I passeggeri che si sono aggiudicati il biglietto, partiranno il 10 ottobre e non dovranno portare il passaporto e nemmeno sottoporsi alla quarantena. La compagnia aerea ha dichiarato di essere pronta a ripetere l’esperienza, anche perché mica si aspettava tutto questo successo!

E a proposito di iniziative particolari: La pizza made in USA che resta commestibile anche dopo 3 anni

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button