Truffa del codice Whatsapp: come difendersi

La truffa del codice Whatsapp è il nuovo metodo con cui i malintenzionati cercano di sottrarre a qualche ignar16a vittima i propri account social, nello specifico quello dell’app di messaggistica istantanea più famoso al mondo.

Se ne inventano di tutti i colori e quando non hanno nessuna nuova truffa in mente, eccoli che ripropongono quelle vecchie, con la speranza che qualcuno un po’ più ingenuo possa cascarci.

Truffa del codice Whatsapp: di cosa si tratta?

La nuova truffa, di cui stiamo parlando, in realtà non è affatto nuova, ma pare che sia già stata utilizzata in passato. Poiché sembrerebbe che abbia già colpito diverse “vittime”, è la Polizia Postale a diramare l’allerta.

Secondo gli esperti, i malintenzionati inviano uno strano e sospetto codice al malcapitato, chiedendo di rinviarlo. In questo modo, hanno quindi la possibilità di impossessarsi illegalmente dell’account della vittima designata.

La Polizia Postale ha rilasciato un appello in cui avvisa del rischio di incorrere nella nuova 20. Nel testo rilasciato, hanno scritto che negli ultimi giorni, hanno ricevuto diverse segnalazione da parte di utenti che hanno segnalato il furto dei loro account personali.

Gli hacker, sono riusciti nell’impresa, sfruttando password troppo semplici e anche la disattenzione e l’ingenuità degli utenti stessi.

Una volta preso possesso dell’account, cambiano tutte le credenziali d’accesso, rendendo di fatto, impossibile al legittimo proprietario accedere al proprio account.

Nel caso in cui doveste ricevere un messaggio in cui vi viene chiesto di rinviare un codice a 6 cifre che vi è appena arrivato, consigliamo di ignorare e cancellate l’SMS.

Purtroppo, a furto avvenuto, vi sarà davvero impossibile recuperare i vostri account personali. Rimaniamo in tema, ma cambiamo leggermente argomento, cosa ne dite? Trucchi Whatsapp: come risultare offline per finta

Sapevate già come farlo? Fatecelo sapere nei commenti, insieme a qualche altro trucchetto di vostra conoscenza.

} ?>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *