Curiosità

Tiramisù al Mojito: il vincitore di Tiramisù World Cup

Chi ha vinto l’edizione del Tiramisù World Cup del 2019? A trionfare è stata un’insegnante che ha preparato un originale tiramisù al Mojito.

Ve ne avevamo parlato qualche mese fa ricordate? Il Tiramisù World Cup si è concluso e ha decretato una vincitrice di tutto rispetto, ingegnosa ed originale.

Tiramisù al Mojito: chi è la vincitrice?

Si chiama Sara Arrigoni ed è un’insegnante di Paladina, un comune nella provincia di Bergamo. Da qualche giorno è anche la vincitrice della competizione italiana che vede come protagonista il tiramisù.

Uno dei dolci più amati in assoluto, che quest’anno è stato preparato in tantissime, alternative varianti. Preparazioni che hanno messo d’accordo proprio tutti, anche se solo una poteva vincere.

E a sorpresa ha trionfato quella al Mojito, che ha sbaragliato circa 600 concorrenti che si sono dati da fare con mascarpone, caffè e savoiardi.

La versione di Sara prevede l’aggiunta di lime, menta e aroma al rum perfettamente mescolati ai più classici ingredienti.

Un dolce equilibrato che non ha lasciato indifferenti i giudici, al punto che durante l’assaggio si sono complimentati con l’insegnante.

“I sapori si sentono tutti, ma in momenti differenti”, queste le parole dei giudici che non hanno avuto dubbi: il Tiramisù Al Mojito meritava la vittoria.

Il segreto della vincitrice? Aggiungere gli ingredienti ad occhio, assaggiando di tanto in tanto per vedere se manca qualcosa.

Sara Arrigoni ha commentato la vittoria raccontando della sua infanzia, ovvero di quando a tre anni aiutava la zia a mescolare il risotto, o di quando a sei preparava una Saint Honoré.

Per la vincitrice è previsto un viaggio in Brasile, in compagnia del vincitore della categoria tradizionale. Entrambi saranno ospiti dell’ambasciata italiana con lo scopo di partecipare alla settimana dedicata alla cucina italiana nel mondo.

E se volesse andare in Messico, potrebbe partecipare alla sagra del cibo con cimici: la festa che spopola in Messico

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button