Si traveste da pilota per volare gratis: arrestato

Avete presente il film in cui Leonardo DiCaprio si traveste da pilota per volare gratis? In realtà la trama era molto più complessa, ma nella realtà un uomo ha pensato bene di imitare il famoso attore, per frodare le compagnie aeree.

E proprio come il personaggio interpretato da Leo alla fine è stato beccato. Al momento, gli investigatori sono ancora impegnati a contare i danni effettuati dal novello Frank Abagnale Jr.

Si traveste da pilota per volare gratis

Il furbetto dei cieli si chiama Rajan Mahbubani e per volare gratis, aveva escogitato un piano quasi perfetto. Si travestiva da pilota di aereo e così facendo superava tranquillamente i controlli, viaggiando di fatto gratuitamente.

E mica si accontentava di farlo in economy, no, lui ovviamente preferiva la business class.

Chissà, magari anche lui aveva visto il film “Prova a prendermi” interpretato anche da Tom Hanks. Film, oltretutto ispirato dalla vera storia del falsario e truffatore Frank Abagnale.

Rajan Mahbubani alla fine è stato beccato, grazie ad una segnalazione dei veri piloti, che si sono rivolti alla polizia indiana.

Le autorità lo hanno fermato su un volo AirAsia, mentre vestito da pilota Lufthansa, si dirigeva verso Nuova Delhi.

Durante l’interrogatorio il furbetto ha ammesso di possedere un badge, che gli permetteva di superare in tutta tranquillità i controlli. E che lo faceva viaggiare gratis.

Attualmente lo pseudo pilota è in stato di fermo, perché non è stato ancora possibile conteggiare il numero di voli sui quali ha viaggiato senza sborsare un solo centesimo.

Ma non è tutto, pare infatti che l’arte del travestimento sia tanto cara al truffatore, perché nel corso delle indagini è emerso che ogni tanto si presentava ad alcune feste dell’Esercito travestito da colonnello.

C’è chi vola gratis e chi invece si ritrova su un aereo e non sa nemmeno come ci è finita. E’ la storia di Georgia Jackson, la ragazza che ha vendicato un tradimento in modo epico

(Visited 617 times, 8 visits today)
} ?>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *