“O me o il gatto”: l’ultimatum della fidanzata

O me o il gatto” e davanti a questo assurdo ultimatum, il 33enne americano non ci ha pensato due volte: a levare le tende a passi svelti e ben distesi è stata direttamente la fidanzata.

Sì, perché gli ultimatum non piacciono a nessuno, a maggior ragione se riguardano i nostri amici a 4 zampe, che ormai hanno guadagnato nel nostro cuore un posticino speciale.

“O me o il gatto”. La decisione del ragazzo non si è fatta attendere

Probabilmente non pensava che alla fine avrebbe scelto proprio il gatto, sennò forse non si sarebbe nemmeno azzardata a proporgli quella scelta.

Comunque, fra i membri della coppia le cose non andavano bene già da un po’ e la loro relazione pare sia terminata definitivamente quando il ragazzo ha preferito il gatto alla fidanzata.

Gatto che aveva già creato qualche problema ai due e che aveva scatenato frequenti attacchi di gelosia nella fidanzata. Che accusava il compagno di dedicare più attenzioni al micione che a lui.

Ma la colpa delle turbolenze sentimentali, dice il padrone di Hobbes, non erano solo da attribuire al felino. Ma anche ad alcune divergenze religiose, che i due non riuscivano ad appianare.

Comunque i due innamorati si erano già lasciati e ripreso qualche volta e dopo l’ultima rottura, la ragazza era tornata alla carica.

A patto però che il suo amato si sbarazzasse di Hobbes, l’innocente gattone che davvero, non aveva mai fatto niente di male.

Peccato però che il padrone del gatto davvero non ci abbia pensato e la risposta non è piaciuta tanto alla ex fidanzata, che adesso pare sia diventata un’ex a tutti gli effetti.

“Non mi libererò mai del mio gatto. Lo amo e non tornerò sicuramente con al mia ex”. E noi non possiamo che farti i nostri complimenti.

Meglio gattari fino al midollo che in compagnia di certe persone! E chi ha delle difficoltà familiari è anche quest’uomo che soffre di un grave disturbo psichico: Derryl Murphy, l’uomo che non parla da 4 anni con la famiglia

(Visited 14.355 times, 1 visits today)
} ?>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *