Natalia, la bambina di 6 anni che in realtà è un’adulta affetta da nanismo

Una vicenda incredibile quella raccontata dalla famiglia Barnett, che adotta Natalia, una bambina di 6 anni che si rivela essere una sociopatica di 19 anni affetta da nanismo. La storia ha ispirato anche un film horror: “Orphan”.

I fatti, sono stati recentemente raccontati dalla madre adottiva, accusata di abbandono di minore, che si difende dicendo: “Natalia voleva ucciderci, è affetta da nanismo e si è finta una bambina di 6 anni. In realtà ha gravi problemi mentali”.

Natalia, sociopatica diciannovenne si finge una bambina di 6 anni

I Barnett sono una normale famiglia americana, composta da Kristine, Michael e Jake, il loro bambino affetto da una grave forma di nanismo. Pochi anni fa, decidono di adottare un bambino e accolgono nella loro famiglia Natalia, una bambina ucraina di 6 anni,

Ma la realtà è ben diversa, perché Natalia, almeno secondo i Barnett, non è affatto una bambina innocente, ma una diciannovenne sociopatica affetta da nanismo. La vicenda è finita in tribunale, con i Barnett che sono stati accusati di abbandono di minore.

Ma i coniugi si difendono, dichiarando di essere stati ingannati da Natalia, di cui si sono presi cura per 3 anni. “Minacciava di ucciderci, ha versato candeggina nel mio caffè e faceva strani disegni in cui mostrava i modi in cui desiderava toglierci la vita”.

La donna si difende dalle accuse dei giornalisti e delle forze dell’ordine, rilasciando altri dichiarazioni: “Natalia doveva essere una bambina di 6 anni, ma aveva peli pubici e le mestruazioni, per non parlare di una dentatura da adulta.

Nei 3 anni che è rimasta a casa con noi non è mai cresciuta di un solo cm e i medici le hanno diagnosticato un disturbo mentale di cui soffrono solo le persone adulte”.

La storia è finita in tribunale

Dopo due anni dall’adozione, i Barrnet hanno chiesto di cambiare l’età di Natalia, che dopo alcuni ricoveri ha confessato di avere 21 anni. I coniugi hanno preteso per lei le cure adeguate e l’hanno aiutata ad iscriversi al College.

Ma dopo un anno, quando il resto della famiglia  Barrnet si è trasferita in Canada, Natalia ha fatto sparire le sue tracce e non ha più dato notizie di sé. La coppia, che nel frattempo ha divorziato, è stata arrestata dalla polizia locale, che ha rilasciato una dichiarazione completamente diversa.

Sono stati accusati di abbandono di minore, anche se è strano che la polizia abbia deciso di arrestarli 5 anni dopo la denuncia di Natalia. Una vicenda orribile, che si è trasformata in un incubo per i Barnett.

Fortunatamente le storie di adozioni, vanno sempre a buon fine, eccone un esempio: Stacey Faix, costretta ad abbandonare il figlio con un destino particolare

(Visited 10.140 times, 2 visits today)
} ?>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *