Magdalena e il lumacone: la strana convivenza che arriva da Cracovia

La curiosa storia di Magdalena e il lumacone, e della loro particolare amicizia che sta facendo il giro del mondo. Curiosi di conoscerla? Rimanete con noi.

I protagonisti di oggi sono Magdalena Dusza e il suo convivente, un lumacone gigante. I due vivono a Cracovia e questi sono i dettagli della particolare e incredibile amicizia.

Magdalena e il lumacone: la loro incredibile storia

Un colpo di fulmine quello fra Magdalena e Misiek, e no non stiamo parlando di due ragazzi normali, ma di una giovane donna e di un lumacone.

La gigantesca lumaca viveva in un negozio di animali e Magdalena, dopo averla notata ha deciso di accoglierla in casa sua come se fosse un gatto o un cane.

La ragazza ha confessato di avere una passione per le lumache fin da quando era bambina ed ora grazie a Misiek ha finalmente potuto realizzare il suo sogno.
I due passano le giornate a coccolarsi e a rilassarsi sul divano e la ragazza preferisce la compagnia della lumaca a quella dei più classici animali domestici.

Perfino il nome ha un significato speciale: Misiek significa infatti orsacchiotto, e sta ad indicare la morbidezza del lumacone.
Convivono da 6 anni, ovvero da quando Magdalena lo ha salvato da una brutta fine che il povero lumacone avrebbe fatto di lì a poco.
Rinchiuso in una scatola, senza la giusta umidità e con i parassiti che lo stavano mangiando, si trovava dentro un negozio di animali e davvero, la decisione di Magdalena di adottarlo gli ha salvato la vita.
Perfino la ragazza non credeva che sarebbe sopravvissuto, ma dopo le cure necessarie Misiek si è ripreso e adesso a distanza di anni è un lumacone ghiotto di patate e banane.

Le sue dimensioni sono incredibili e sono la conseguenza di una dieta particolare a cui viene quotidianamente sottoposto.

La ragazza comunque è continuamente soggetta a critiche e a consigli non richiesti, da parte di amici e parenti che mal sopportano la lumaca.

Tra disgusto e consigli per cucinarlo, ormai Magdalena ci scherza su e non se la prende a male. L’importante è che Misiek cresca e stia bene.

Perché non c’ felicità più grande che tornare a casa dopo una dura giornata di lavoro e trovarlo lì ad aspettarla! Pensate che esageri? Aspettate di leggere quest’altra storia: Modella sposa il suo cane: la storia di Elizabeth Hoad

(Visited 39.640 times, 4 visits today)
} ?>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *