Helma Wardenaar, l’insegnante che ha regalato un sogno ad una bambina disabile

L’insegnante non è un lavoro come tutti gli altri, non lo so fa solo per portare soldi a casa a fine mese. Ci vuole passione e dedizione e Helma Wardenaar incarna sicuramente queste due parole.

La donna, ha infatti fatto di tutto per permettere ad una sua alunna disabile di andare in gita insieme al resto della classe. E ci è riuscita, ecco la sua storia.

Helma Wardenaar ha portato sulle spalle la studentessa disabile in gita

Helma è un’insegnante dell’Academy For Global Citizenship di Chicago e ha trascorso gran parte dell’anno scolastico ad organizzare la gita di fine anno.

C’era solo un dettaglio che proprio non riusciva a risolvere e riguardava una sua studentessa, Maggie.

La ragazzina è affetta dalla nascita da una paralisi cerebrale, che l’ha costretta ad una sedia a rotelle.

Va da sé che una gita nei boschi da dedicare al trekking non era alla sua portata.

Ma Helma non si è lasciata intimorire dalle difficoltà e piuttosto che lasciare Maggie a casa ha pensato e ripensato a innumerevoli soluzioni.

La bambina infatti, desiderava tanto passare qualche giorno in campeggio con i suoi compagni ed Helma non avrebbe potuto sopportare il pensiero di non farla venire.

Ecco che alla fine la lampadina si è accesa e l’idea è stata messa in pratica.

Ispirata al babywearing (la tecnica che molte mamme usano per stare a contatto con i propri figli, attraverso fasce e marsupi idonei), Helma si è fatta costruire un particolare zaino.

Che naturalmente doveva sostenere il peso di Maggie che è potuta andare in gita, godendosi il momento in spalla alla sua insegnante preferita.

Insegnante che ha attirato innumerevoli attenzioni su si sé da parte dei media locali, che le hanno dedicato molti servizi, mettendo in risalto il suo gesto di estrema generosità.

E per rimanere in tema passioni, anche se del tutto diverso, non potete perdervi la storia di Omari McQueen, il bambino di 11 anni che ha aperto un ristorante vegano

(Visited 1.287 times, 50 visits today)
} ?>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *