Attualità

Spostamenti tra Comuni a Natale consentiti: si va verso il provvedimento

Incredibile dietrofront del Governo, con il Premier Conte che apre alla possibilità di deroghe sugli spostamenti tra Comuni nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno. Secondo quanto riportato dal Corriere, infatti, a Palazzo Chigi si sta discutendo una modifica all’ultimo Dpcm attualmente in vigore.

Il Governo pensa infatti alla concessione di uscire dal proprio Comune di residenza nei giorni 25 e 26 Dicembre e il 1 di Gennaio. Negli ultimi giorni le pressioni dei Sindaci e dei Governatori regionali sono state moltissime, soprattutto per coloro che vivono in comuni piccolissimi  a qualche Km dai proprio familiari.

Dietrofront del Governo, spostamenti tra Comuni consentiti a Natale, Santo Stefano e Capodanno: si discute a Palazzo Chigi

L’ultimo Dpcm vieta di lasciare il proprio Comune durante le giornate di Natale, Santo Stefano e Capodanno. Secondo quanto trapelato da Palazzo Chigi, però, il Governo è pronto a fare dietrofront. La Ministra Teresa Bellanova aveva già chiesto di venire incontro alle persone che vivono in piccoli Comuni che sono sicuramente i più sacrificati dell’ultimo Dpcm. Sembra che la modifica al Dpcm possa essere formalizzata nelle prossime ore.

È assurdo che non ci si possa spostare tra piccoli comuni quando ci sono città con milioni di abitanti.

Queste le parole del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, mentre Matteo Salvini ha dichiarato che, al di là delle simpatie o antipatie, è questione di buonsenso e le famiglia italiane stanno aspettando buone notizie. Dopo giorni di netti, sembra essersi aperta una piccola speranza e, secondo quanto riportato dal Corriere Della Sera, l’ufficializzazione delle deroghe è prossima.

Non c’è ancora niente di certo e ufficiale, ma la notizia è riportata da tutte le grandi testate. Sembra proprio che possa esserci l’ufficialità della notizia già entro oggi. In attesa di novità, ecco lo studio che ha scoperto che un bambino di Milano ha contratto il Coronavirus già nel 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button