Attualità

Speranza svela i 3 criteri per entrare in zona bianca: le Regioni più “vicine”

Con il nuovo decreto che entrerà in vigore il 16 gennaio arriva anche la zona bianca, ma quali sono le Regioni più vicine a questa possibilità? Il ministro della Salute Roberto Speranza, durante un intervento alla Camera ha parlato proprio di questa quarta fascia che equivale a un ritorno alla normalità.

Livelli epidemiologici bassi, incidenza settimanale sotto i 50 casi ogni 100.000 abitanti, per almeno due settimane di fila e un indice Rt abbondantemente sotto l’1. E proprio quest’ultimo rappresenta un’interessante novità, visto che poche ore fa, gli esperti parlavano di un Rt a 0,50 come unico criterio.

Zona bianca: i criteri per permettere alle Regioni di tornare a vivere

Secondo quanto riportato da Quotidiano.Net, il ministro ha confermato che nella zona bianca, le uniche limitazioni da osservare riguarderanno l’uso della mascherina e il distanziamento sociale. Buone notizie quindi per i bar e i ristoranti, che potranno tornare a lavorare normalmente.

E lo stesso vale per tutte quella attività, come piscine e palestre, che non lavorano da tanti, troppi mesi. Nel frattempo, a quanto pare, i musei potrebbero riaprire nei prossimi giorni nelle zone gialle. Ok molto probabile anche per la riapertura degli impianti sciistici. Anche se a conti fatti, nel momento in cui le Regioni passeranno in zona bianca, la stagione potrebbe essere giunta già al termine.

Ma quali sono le papabili Regioni che hanno i requisiti per entrare in fascia bianca? In base all’ultimo report, sono 112 le Regioni con un indice inferiore a 1. Lo stesso non si può dire, però, del tasso di incidenza. Al momento nessuna zona si avvicina ai 50 casi settimanali per 100.000 abitanti.

Tuttavia sono tre le Regioni che ci sono più vicine. Stiamo parlando della Sardegna (78,01), della Toscana (78,95) e della Calabria (82,3). Fra queste la Toscana è l’unica Regione di Italia considerata a basso rischio, tuttavia secondo gli ultimi bollettini i contagi sono, purtroppo, in risalita.

Nel frattempo: Covid, approvato il nuovo Decreto in vigore dal 16 Gennaio: tutte le nuove regole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button