Storie

Sindrome di Rapunzel: una ragazza sente il bisogno di mangiarsi i capelli

Per privacy non si conosce il suo nome, si sa solamente che soffre della Sindrome di Rapunzel, e che sente il continuo bisogno di mangiarsi i capelli.

Recentemente i medici si sono trovati costretti a sottoporla ad un invasivo intervento chirurgico, al termine del quale non potevano credere ai propri occhi.

Sindrome di Rapunzel: mezzo chilo di capelli nello stomaco

Ha 16 anni e vive in Siberia, a Tomsk e non è una ragazza come tutte le altre. Soffre della cosiddetta Sindrome di Rapunzel.

In realtà il suo grave disturbo si chiama Tracofogia,una malattia che colpisce maggiormente le donne rispetto agli uomini e che nel suo caso è scatenato dalla paura di perdere i capelli.

Fin da quando era piccola la nostra anonima russa aveva l’abitudine di mangiarsi i capelli. Un’abitudine che alla lunga l’ha portata ad avere seri problemi allo stomaco e anche respiratori.

Problemi che data la loro gravità hanno spinto i medici a sottoporre la sedicenne ad un urgente intervento chirurgico. Ma nessuno si sarebbe mai aspettato di trovarsi di fronte allo stomaco della ragazza pieno all’80% di una palla di capelli.

Una volta estratta, la massa di capelli è stata pesata e l’ago della bilancia è schizzato per fermarsi alla tacca del mezzo chilo. Un numero veramente impressionante che è aumentato nel corso di anni: 10 per l’esattezza.

Per la giovane ragazza non finisce qui, appena si riprenderà dall’intervento, l’aspettano diverse sedute psichiatriche che dovranno scavare a fondo nella sua anima.

L’obiettivo è di farle capire la pericolosità della sua abitudine, che ha seriamente compromesso il suo apparato gastrointestinale.

Stavolta è andata bene, ma la prossima volta? I medici non sono così ottimisti. Anche questa donna soffre di un serio disturbo mentale, ecco la sua stravagante storia: Felicity Kadlec, la donna che ha sposato la sua bambola zombie

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button