Benessere

Il saluto con il gomito non è più sicuro: parola di OMS

Il saluto con il gomito non è sicuro. Lo aveva ribadito a marzo e lo ha fatto anche nei giorni scorsi. Stiamo parlando di Tedros Adhanom Ghebreyesus, il direttore dell’OMS, ovvero l’Organizzazione mondiale della sanità, di cui negli ultimi mesi si è tanto sentito parlare.

Niente più contatto diretto per salutarci quindi. E se qualcuno di voi ha usato questo “saluto” nell’ultimo periodo, sarà costretto a smettere. Ma esattamente, per quale motivo?

Il saluto con il gomito non è sicuro: scopriamo perché

Sul coronavirus in questi ultimi mesi se ne sono dette tante. Bugie, verità, risultati di studi scientifici e chi più ne ha, più ne metta. Di una cosa  sola però gli esperti sono sempre stati convinti: bisogna rispettare la distanza di un metro con le altre persone.

Solo così si riesce bene a scongiurare il pericolo di un contagio. Va da sé quindi che i modi più utilizzati per salutare una persona sono banditi da diversi mesi. Niente più baci e abbracci, per non parlare delle strette di mano. Tutte cose a cui eravamo abituati e che ora non possiamo più fare.

Qualcuno allora si è ingegnato e ha pensato a un modo nuovo per porgere i nostri saluti quando incontriamo parenti e conoscenti. E come? Semplicemente facendo toccare il proprio gomito con quello dell’altro. Facile, no? Sì, se non fosse che ora arriva l’avvertimento dell’OMS.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, il saluto con il gomito non è per niente sicuro, poiché annulla la famigerata e famosa distanza interpersonale. Anche l’economista Diana Ortega ha espresso la sua opinione in merito è ha affermato che lei, per salutare le persone, preferisce di gran lunga mettersi una mano sul cuore.

E voi avete trovato un modo tutto vostro? Fatecelo sapere nella sezione dei commenti. Nel frattempo non perdetevi un altro nostro articolo a tema Covid: Coronavirus, scoperti nuovi sintomi dermatologici: gli effetti sulla pelle

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button