Curiosità

Entro un anno i ragni mangeranno tutti gli abitanti della terra: parola di scienza

Entro un anno i ragni mangeranno gli abitanti della terra. È la previsione di due biologi che sta facendo tremare gli aracnofobici. I due simpaticoni si chiamano Klaus Birkhofer e Martin Nyffeler e sono fortemente convinti che i ragni possano, un giorno neanche troppo lontano, conquistare il mondo.

Se i ragni sono il vostro terrore, sarebbe meglio che leggiate un altro articolo, perché questo non fa davvero per voi. Ma diciamo la verità, la prospettiva di essere divorato da dei ragni affamati non piace praticamente a nessuno.

I ragni mangeranno gli abitanti della Terra entro un anno

Non bastavano le preoccupazioni legate alla pandemia, i meteoriti che sfiorano il nostro Pianeta e gli incendi che lo stanno devastando. No, questo 2020 ha deciso di regalarci un’altra bella sorpresa che parla di ragni affamati.

Secondo due biologi i ragni potrebbero ben presto dominare la Terra e mangiare tutti i suoi abitanti. E, tenetevi forte, in un tempo relativamente breve. Secondo uno studio e delle ricerche che hanno portato avanti, questi simpatici animaletti potrebbero divorarci tutti entro un anno.

Secondo lo studio i ragni del mondo consumano in 365 giorni dai 400 agli 800 milioni di tonnellate di carne. Considerando che la massa totale degli adulti della Terra corrisponde a 287 milioni di tonnellate il calcolo non è troppo difficile.

Naturalmente si tratta solo di ipotesi, anche perché non risulta a nessuno che i ragni abbiano mai tentato di mangiare qualcuno! La loro dieta è basata su altri alimenti e per sterminare l’umanità dovrebbero cambiare gusti. Quindi possiamo stare tranquilli e continuare a temere i ragni per i soliti motivi.

E a voi fanno paura queste piccole bestioline poco simpatiche? Fateci sapere cosa ne pensate di tutta questa assurda faccenda. Nel frattempo rimanete sul pezzo e non perdetevi questo contenuto: Aracnofobia, un’università ha inventato una piattaforma per superare la paura dei ragni

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button