Profezie sul 2020: le più ridicole

Cosa dicono le profezie sul 2020? Cosa ci aspetta in questo anno appena arrivato che segna l’inizio di un nuovo decennio? Scopriamo quali sono i presagi più interessanti che secondo gli esperti dovrebbero verificarsi nel 2020.

Se credete che una profezia indichi necessariamente la fine del mondo vi sbagliate. L’uomo è un essere curioso e come tale, fin dall’antichità ha cercato di scoprire qualcosa in più su quella che sarebbe stata la nostra vita futura.

Le profezie sul 2020 più ridicole

Ebbene, eccoci pronti a scoprire cosa gli antenati avevano profetizzato sul 2020. Tutte cose su cui si sono decisamente sbagliati. Per fortuna? Scopriamolo insieme.

IL PIANETA DELLE SCIMMIE

Nel 1967 un articolo pubblicato su “The Futurist” era convinto che nel 2020 l’essere umano avrebbe avuto come personale domestico delle scimmie.

Sì, niente cani o gatti, ma delle scimmie! Animali ovviamente addestrati e ultra intelligenti, in grado di svolgere alcuni dei più semplici compiti casalinghi.

Come ad esempio le pulizie domestiche o il giardinaggio. Ma non solo, secondo lo studio, avremmo potuto farci scarrozzare a destra e a sinistra da scimmie in grado di guidare le nostre automobili.

CIBO

Fortunatamente queste profezie non si sono avverate nemmeno per scherzo. Tale Gustav Bischoff, il presidente dell’associazione “American Meat Packers” era straconvinto che nel 2020 saremmo tutti diventati vegetariani.

E non ci sarebbe niente di male, se non avesse pensato che questa scelta alimentare ci avrebbe provocato notevoli problemi, come anemia, mancanza di forza e di iniziativa.

E parlando di cibo ecco un’altra profezia decisamente più terribile e agghiacciante. Nel 2005 lo scienziato informatico Ray Kurzweil, dichiarò che nel 2020 sarebbero stati inventati dei robot, che avrebbero iniettato i nutrimenti del cibo direttamente nelle nostre vene.

Riuscite a pensare a qualcosa di più terribile? Forse. La prossima profezia di cui vi parleremo è stata formulata niente di meno che da Nikola Tesla, che era convinto nel 2020 non ci sarebbero stati più caffé, the e tabacco.

In compenso una cosa l’ha indovinata: avremmo bevuto litri di alcol. Direi che ci è andato vicino.

EVOLUZIONE UMANA

Care signorine, come la prendereste se vi dicessi che nel 1950 la giornalista Dorothy Roe era convinta che saremmo diventate delle valchirie alte un metro e 80 con un bel 42 di piede?

Piedi che secondo il dottor Richard Clement Lucas, sarebbe stato formato da un solo dito. Indovinate quale? Esatto, l’alluce.

Prima parlavamo di fine del mondo. Ecco quando avverrà: Fine del mondo: secondo uno studio arriverà nel 2050

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *