Curiosità

In America arriva la pizza scomposta servita in un vasetto

Arriva la pizza scomposta servita in un barattolino di vetro. Fortunatamente il suddetto esperimento non è ancora approdato nei tavoli italiani e dubitiamo che possa davvero farlo. Neanche a farlo a posta l’invenzione è tutta americana, ma siamo pronti a parlarvene.

Solitamente i barattoli di vetro vengono utilizzati dalle nostre nonne per mantenere inalterate le conserve amorevolmente preparate. In Italia la pizza è un must e ci stupiamo sempre di come provino a rovinarcela all’estero. Diciamo la verità siamo stufi di sentir parlare di pizze gourmet, con l’ananas e con altre schifezzuole varie, ma non possiamo fare a meno di menzionare l’ennesima, terribile invenzione.

La pizza scomposta: ne avevamo davvero bisogno?

Le pietanze preparate nei vasetti di vetro non sono certamente una novità. Negli ultimi anni moltissimi ristoranti e locali hanno deciso di servire i propri dolci proprio nei vasetti di vetro. Fra i dessert maggiormente rivoluzionati non possiamo non nominare il tiramisù.

Anche se dobbiamo ammettere che nel barattolino non è per niente male. Ma si può dire lo stesso per la pizza? A chi verrebbe mai in mente di preparare la nostra adorata Margherita in un barattolo di vetro? La risposta è semplice: agli americani. Sì, sempre loro!

Questa versione che a noi fa storcere il naso ha avuto un discreto successo nel Nord Europa.

Dove viene servita come aperitivo. Se siete curiosi di sapere come si prepara, sappiate che la situazione è davvero imbarazzante. Perché si prende un barattolo di vetro, ci si infila un po’ di salsa di pomodoro, la mozzarella, l’impasto e poi una fogli di basilico. E naturalmente il tutto condito con un filo di olio extravergine d’oliva.

E ora diteci, sareste così coraggiosi da volerla assaggiare? Fatecelo sapere nella sezione dei commenti, saremo curiosi di conoscere la vostra risposta! Nel frattempo ecco un’altra invenzione tipicamente americana: Spaghetti e biscotti, il piatto che in America fa impazzire tutti

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button