Attualità

Piacenza, studentessa torna in classe dopo l’aborto e trova dei biglietti offensivi

Torna a scuola dopo l’aborto e viene travolta dalle offese, è accaduto a una studentessa di Piacenza. Siamo nel 2021 e una donna è ancora una volta costretta a subire i giudizi meschini e disgustosi provenienti da perfetti sconosciuti.

La notizia è rimbalzata sui social e su tutti i giornali è ha provocato un’ondata di disgusto e di rabbia. La denuncia è partita da alcuni compagni di classe della studentessa ed è arrivata fino all’ufficio della dirigente che ha proceduto con l’apertura di un’indagine.

Studentessa torna a scuola dopo l’aborto e trova dei biglietti shock: è successo a Piacenza

L’interruzione volontaria di gravidanza è un diritto dal 1978. Eppure nel nostro Paese praticamente chiunque si sente in diritto di giudicare tutte quelle donne che, volontariamente, decidono di abortire.

Ciò che è successo a Piacenza non può essere accettato, perché nessuno dovrebbe mai permettersi di poter giudicare una donna che ha il pieno controllo del suo corpo. Un’interruzione di gravidanza, anche volontaria, porta con sé grande dolore.

Immaginatevi quindi lo stato d’animo di questa studentessa che rientra in classe dopo un aborto e si ritrova davanti dei biglietti e delle foto offensive e disgustose. La denuncia è cominciata sui social dopo che alcuni compagni della giovane hanno raccontato lo spiacevole episodio.

Sui muri e sulle porte della scuola superiore gli studenti hanno trovato tantissimi bigliettini offensivi associati a immagini di feti. La studentessa però ha potuto contare sull’appoggio dei suoi compagni e su quello della dirigente.

Che ha immediatamente avviato un’indagine interna volta a scoprire i colpevoli. La dirigente ha promesso la massima severità nei confronti di coloro che hanno appeso i biglietti e le foto offensive.

Tanta solidarietà anche da parte delle migliaia di persone che sui social sono venuti a conoscenza di questo disgustoso episodio. E a proposito di episodi disgustosi: Cesena, don Paolo rilancia la fake news sui vaccini: «Realizzati con feti vivi abortiti» (video)

Anno 2021
Scuola Piacenza
Una ragazza DECIDE di abortire e nei giorni in cui a scuola è attivo un progetto sull’…

Pubblicato da Non Una Di Meno – Piacenza su Giovedì 25 marzo 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button