Storie

La storia dell’uomo il cui organismo produce birra

Sembra sempre ubriaco ma non lo è. Il suo organismo infatti produce birra da solo, a causa di una rara malattia di cui soffre.

E’ stato accusato di guidare in stato d’ebrezza, ma negando, ha deciso di portare avanti la sua personale battaglia per dimostrare la verità. E ci è riuscito, l’uomo soffre di una malattia rara: l’auto-brewery syndrome.

Ha un organismo che produce birra: ecco la sua storia

Ha 40 anni,  è residente nella Carolina del Nord e la sua è una storia veramente singolare. E’ infatti spesso ubriaco senza aver toccato alcol.

E se siete scettici di fronte a questa notizia, sappiate che non siete gli unici, perché anche poliziotti e medici all’inizio non gli hanno creduto.

La strana vicenda inizia una sera qualunque, quando il nostro protagonista viene portato in ospedale dopo che si era rifiutato di sottoporsi all’alcool test.

Lì, però le analisi parlano chiare e il suo livello di alcol nel sangue risulta dello 0,2% (2 volte e mezzo il limite consentito), ovvero come se avesse assunto una decina di drink in un’ora.

Neanche i medici gli credono, saranno i ricercatori del Richmond University Medical Center di New York a svelare la verità e a scoprire la rara malattia di cui soffre: l’auto-brevery syndrome, la sindrome della fermentazione intestinale.

In pratica il suo organismo produce birra, grazie ad un lievito presente nel suo intestino che trasforma in etanolo i carboidrati ingeriti.

Una condizione, causata dall’assunzione di un antibiotico, che aveva alterato la sua flora intestinale e che adesso tiene sotto controllo grazie ad un’apposita terapia antifungina che funziona e che gli permette di poter vivere una vita normale e di poter mangiare i carboidrati.

Le sindromi rare vi interessano e non ne avete mai abbastanza? Non perdetevi quest’altro caso: Sindrome di Rapunzel: una ragazza sente il bisogno di mangiarsi i capelli

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button