Attualità

Nuovo Dpcm, posso vedere i congiunti?

Cosa dice il nuovo Dpcm sulla possibilità di poter incontrare i propri congiunti? Come sappiamo bene, ormai ci troviamo a tutti gli effetti dentro la seconda ondata di questa pandemia. Ormai non si sente parlare altro di lockdown e nuove misure restrittive.

Nella giornata del 4 novembre è uscito l’ultimo Dpcm firmato dal presidente del Consiglio Conte in cui l’Italia è stata, sostanzialmente, divisa in tre fasce. Una gialla (la situazione meno grave), una arancione e una rossa. Vediamo nel dettaglio cosa dice il nuovo decreto sui congiunti.

Nuovo Dpcm: le zone d’Italia dove si possono vedere i congiunti

Durante la scorsa primavera a causa del lockdown non è stato possibile incontrare amici e parenti per diverse settimane. Con l’uscita del nuovo Dpcm i dubbi sono ancora molti e spesso legati alla possibilità di poter vedere i propri cari.

Ormai lo sappiamo bene, l’Italia è divisa in tre fasce che prevedono delle misure bene diverse. Durante la conferenza stampa il presidente del Consiglio Conte ha risposto alle domande dei giornalisti. Uno di loro ha chiesto se è possibile visitare i congiunti.

Nella zona gialla non vige il divieto di poter incontrare i non conviventi, ma una ferma raccomandazione. Il premier ha infatti ribadito di evitare gli incontri fra non conviventi. Che ad oggi sono una delle occasioni più probabili di contagio.

Per quanto riguarda invece le zone arancioni, quindi Puglia e Sicilia, è permesso uscire dal proprio Comune solo per motivi di lavoro, studio o di salute. Di conseguenza non è consentito spostarsi dal proprio Comune di residenza per vedere persone che vivono al di fuori del nucleo familiare.

Nelle zone rosse, quelle in cui è presente una situazione della massima gravità, non è possibile incontrare i congiunti. Stiamo parlando di Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria, tutte le Regioni che “subiscono” le misure restrittive più importanti e serie.

E a proposito di seconda ondata: Coronavirus, quanto durerà la seconda ondata?

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button