Attualità

Nuovo Dpcm, colori delle Regioni definiti oggi: le zone più critiche

Con il nuovo Dpcm tornano i colori delle Regioni, che secondo gli ultimi aggiornamenti, dovrebbero essere definiti nella giornata di oggi. Purtroppo la curva dei contagi è in crescita e gli indici Rt, come riporta il Corriere della Sera, sono oltre l’1.

Il Governo è pronto ad intensificare le misure restrittive, le chiusure e i contagi. Roberto Speranza, il ministro della salute ha raccomandato di tenere alto il livello del rigore. Dall’11 gennaio la maggior parte delle Regioni saranno in fascia arancione, con qualche zona rossa e gialla.

Nuovo Dpcm: in arrivo la decisione sui colori delle Regioni

Otto le Regioni che rischiano di più: Lombardia, Veneto e Sicilia, Emilia-Romagna, Lazio, Puglia, Calabria e Basilicata. L’ufficialità dei passaggi in zona dovrebbe arrivare a breve, ovvero quando sarà terminato il report e il monitoraggio dell’Iss. Tuttavia non si possono ignorare i dati allarmistici del bollettino di ieri.

Nel frattempo il Governo è già a lavoro sul nuovo Dpcm che il presidente del Consiglio Conte è pronto a firmare. Il Dpcm entrerà in vigore il 16 gennaio e a meno che il Governo non decida di prolungare lo stato di emergenza, scadrà alla fine del mese. Il ministro della Salute è pronto a prorogare il divieto degli spostamenti tra regioni. Ma anche la zona arancione nei weekend.

Come anticipato più volte, il nuovo Dpcm porterà qualche novità. Cambiano infatti i parametri per stabilire il colore delle Regioni. La zona arancione scatterà con un indice Rt a 1, mentre la rossa con un Rt di 1,25. Nella giornata di ieri tutte le Regioni avevano un rischio moderato, di conseguenza a fare la differenza sarà l’indice di contagio. Emilia Romagna e Veneto dovrebbero tornare in fascia arancione. Mentre Lombardia e Calabria in zona rossa. Al momento rimangono sicuramente in gialla Friuli Venezia Giulia, Molise, Campania e Toscana.

Nel frattempo in Emilia Romagna: Bagno di Romagna, dipendenti di una casa protetta rifiutano il vaccino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button