Attualità

Nuovo decreto sul Coronavirus: ecco cosa cambia

Ha parlato da pochissimo il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, annunciando l’ufficiale nuovo decreto sul Coronavirus. C’era da aspettarselo, era da giorni che si parlava di ancora troppe persone in giro per le città. Oggi pomeriggio già la Lombardia e il Piemonte hanno annunciato la chiusura totale di tutte le attività pubbliche e private, ad eccezione ovviamente di quelle alimentari e delle farmacie.

Erano nell’aria tutte queste nuove restrizioni, anche perché l’emergenza nel nostro paese si fa sempre più grave. Oggi è stata una giornata terribile, sia per il numero di contagi che per quello delle persone decedute. Ma vediamo insieme che cosa prevede il nuovo decreto sul Coronavirus.

Nuovo decreto sul Coronavirus: tutte le nuove restrizioni

Come detto, il premier Giuseppe Conte ha da indetto una conferenza stampa straordinaria per ufficializzare le nuove misure restrittive per combattere l’emergenza Coronavirus. Numerose le nuove restrizioni, ma come detto c’era da aspettarselo.

La nuova restrizione prevede la chiusura totale in tutto il paese di tutte le attività produttive che non siano strettamente necessarie. Continueranno a restare aperti i supermercati e tutte le attività che si dedicano alla vendita di generi alimentari.

Conte ha sottolineato che non ci saranno cambiamenti di orario per i supermercati, motivo per il quale non ci sarà bisogno di fare la corsa alla spesa. Aperte anche le farmacie e le para farmacie, così come le banche e le poste. Continueranno ad essere assicurati anche i trasporti.

Da domani, quindi, chiusura totale di ogni tipo di attività privata e pubblica non strettamente necessaria. Conte ha sottolineato anche quanto sia importante l’impegno di ognuno di noi, la responsabilità di ognuno di noi. Ha parlato di difficoltà nel rinunciare alle abitudini di tutti i giorni, ma che dobbiamo solo stare a casa.

Non dimentichiamoci che nel frattempo ci sono persone che lavorano notte e giorno per limitare i terribili danni che questo virus sta facendo. Sul sito ufficiale del Governo, comunque, potete trovare la lista delle attività che potranno ancora continuare ad essere aperte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button