Attualità

Modena, avanzano i vaccini e gli operatori li somministrano ai parenti

La Ausl di Modena ha aperto un’istruttoria dopo che è scoppiato il caso dei vaccini avanzati e iniettati ai familiari del personale sanitario. Il 5 gennaio gli operatori sanitari hanno infatti infranto il protocollo previsto. Diverse dosi di vaccino erano avanzate e dovevano essere buttate.

Per non sprecarne neanche una gli operatori sanitari hanno quindi deciso di chiamare i propri familiari e di somministrare il vaccino a loro. Una soluzione adottata probabilmente in buona fede. Ma che ha provocato diverse discriminazioni e ha violato le regole previste per la campagna vaccinale.

Vaccini avanzati a Modena: somministrati ai familiari del personale sanitario

La verità è venuta a galla dopo che un volontario Avap ha pubblicato le foto delle sue figlie intente a fare il vaccino. Le polemiche ovviamente non sono mancate, al punto che la stessa Ausl di Modena ha deciso di aprire un’istruttoria. Coloro che hanno somministrato i vaccini ai propri familiari rischiano pesanti provvedimenti.

L’Ausl ha poi spiegato che solitamente, le dosi ricomposte, che hanno una durata di sole 6 ore, vengono somministrate agli operatori sanitari che hanno dato la disponibilità al vaccino. Proprio per questo motivo, ciò che è accaduto ieri “non risponde ad alcuna direttiva o indicazione fornita dall’Azienda”.

Per questo motivo la Ausl di Modena, come riporta Modena Today, ha deciso di aprire un’istruttoria che ha come obiettivo quello di trovare le persone responsabili di tale gesto. E di poter procedere con le azioni necessarie a tutela di coloro che quotidianamente sono impegnati nella campagna vaccinale.

“Consapevole della gravità dell’errore commesso e dell’impatto che ciò può generare sulla popolazione che attende il vaccino, ci scusiamo con tutti i cittadini e ci impegniamo a  garantire la massima trasparenza, così come è stato fatto fin dall’inizio, nelle procedure di somministrazione e utilizzo del vaccino”.

Per ulteriori aggiornamenti leggere anche: Nuovo Dpcm, colori delle Regioni definiti oggi: le zone più critiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button