Attualità

Macerata, il vicario del Vescovo: “L’aborto è più grave della pedofilia” (video)

Fa discutere il video registrato a Macerata in cui il vicario del Vescovo afferma che l’aborto è un peccato più grave della pedofilia. Parole forti, terribili che non sono passate inosservate e che hanno fatto il giro del web. Ma che non sono state condannate dal Vescovo Nazzareno Marconi, che difende don Leonesi.

Un’omelia che ha sconvolto la Sinistra Italiana e non solo, e che ha parlato di aborto ma anche di sottomissione della donna. Alla fine dell’articolo vi lasciamo al video che potrete visionare e poi giudicare. Intanto vi raccontiamo cosa è successo.

Macerata: sconvolgono le parole del vicario del Vescovo che definisce l’aborto uno scempio peggiore della pedofilia

“Guardate, fratelli, possiamo dire tutto ma l’aborto è il più grave degli scempi. Mi verrebbe da dire una cosa ma poi scandalizzo mezzo mondo. È più grave un aborto o un atto di pedofilia? Scusate, il problema di fondo è che siamo così impastati in una determinata mentalità… Con questo non voglio dire che l’atto di pedofilia non sia niente, è una cosa gravissima. Ma cosa è più grave?”.

Sono queste le parole dell’omelia di don Leonesi, il vicario del Vescovo Nazzareno Marconi. Un’omelia che si fondava principalmente su un’elogio alla Polonia che nei giorni scorsi ha varato una legge contro l’aborto. Una legge che ha provocato moltissime manifestazioni e reazioni e che vieta di interrompere la gravidanza anche in presenza di gravi malformazioni del feto.

 

Parole che hanno indignato la Sinistra Italiana che a gran voce ha chiesto alla comunità religiosa di distaccarsi da tali, gravissime dichiarazioni. Una decisione non accolta dal Vescovo che ha invece appoggiato il pensiero di don Leonesi. E anzi, ha invitato coloro che non la pensano come lui a studiare meglio il Medioevo.

E che ha definito l’aborto una:

“Barbarie che non ritengo né un diritto né una conquista di civiltà, ma un fallimento sociale”.

Nel frattempo le donne di “Non una di meno” hanno deciso di organizzare per sabato una manifestazione di protesta a Macerata.

E a proposito di polemiche: Il prete ammonisce i fedeli: “Non date i soldi ai nipoti, dateli alla Chiesa”

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button