Attualità

Le vaccinazioni vanno a rilento in Italia: ecco perché

Come procedono le vaccinazioni in Italia? Poco bene, soprattutto a causa degli incredibili e inaccettabili ritardi riscontrabili in diverse Regioni. Il 27 di dicembre è stato il vax day, ed è iniziata la prima fase del piano vaccinale contro il coronavirus.

I primi a ricevere il vaccino saranno gli operatori sanitari e quelli socio-sanitari più gli ospiti delle residenze per anziani. Ma cosa non sta funzionando?

Vaccinazioni a rilento in Italia

Secondo il Sole 24 Ore, dal 31 dicembre in Italia sono state somministrate solo 79.146 vaccinazioni, appena il 16,8% sul totela di tutte le dosi assegnate. E che colloca l’Italia al settimo posto nella graduatoria mondiale. Ma come mai tutti questo ritardo?

Le Regioni hanno sciorinato una serie di motivazioni dietro al ritardo, considerato dai più, inaccettabile. Siringhe inadeguate, ferie arretrate e mancanza di personale. La Lombardia, la Regione più sotto accusa, è al momento ferma al 3%. Per Domenico Arcuri, il commissario straordinario per l’emergenza epidemiologica, dovremmo invece effettuare circa 65mila vaccinazioni al giorno. L’obiettivo? Una copertura del 50% entro settembre 2021.

Ritornando alla Lombardia, i dati parlano chiaramente. Su oltre 80.000 dosi ricevute, ne hanno somministrare solamente poco più di 2.000. E c’è chi è riuscito a fare anche peggio (Sardegna e Molise). Tuttavia secondo Giulio Gallera, l’assessore regionale al Welfare della Lombardia:

“la campagna di somministrazione del vaccino partirà da lunedì 4 gennaio, secondo la programmazione originaria della Direzione generale welfare”.

Nel resto d’Italia la situazione non è purtroppo migliore. La prima fase procede molto lentamente e con risultati diversi. Anche perché a quanto pare sono diverse le problematiche legate alla somministrazione del vaccino. Nelle Marche ad esempio non ci sono le siringhe e in Sardegna manca il personale. Proprio per questo motivo in Sardegna la campagna inizierà, addirittura, il 7 gennaio.

Per ulteriori aggiornamenti sul Covid: Nuovo Dpcm, tra zona rossa, arancione e la nuova zona bianca

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button