Curiosità

Le uova vanno conservate in frigo: sì o no? Ecco tutto ciò che non sapete

In base a ciò che ho visto fare dai miei genitori durante la mia infanzia, ho dato per scontato che le uova dovessero essere conservate in frigo dopo averle acquistate. Il frigorifero ha infatti un apposito contenitore proprio per riporre le uova.

Un giorno, dopo aver acquistato le uova fresche da una contadina del luogo, mi sono sentita dire che non andavano assolutamente conservate in frigorifero, ma tenute in un paniere in casa a temperatura ambiente. In questo caso si sarebbero perfettamente mantenute per 20/30 giorni.

Le uova vanno conservate in frigo? Qual è il modo migliore per conservarle?

Innanzitutto è fondamentale sottolineare che esistono vari tipi di uova che si differenziano in base alla loro capacità di resistere all’attacco di batteri esterni (ad esempio la salmonella).

Questa differenza è dovuta allo spessore e alla durezza del guscio. Ad esempio, le galline Marans depongono uova dal guscio super resistente, completamente impermeabile all’intrusione di qualsiasi batterio.

Ritornando al nostro dubbio sul luogo più corretto in cui riporre le uova la risposta e si…e no, infatti bisogna considerare due casi ben diversi.

Infatti se acquistate le uova al supermercato, dovete necessariamente conservarle in frigo, nonostante nei supermarket le troviate riposte nello scaffale.

Ma perché al supermercato non sono tenute in frigo? La risposta è molto semplice e per trovarla basta pensare al modo in cui le galline vengono allevate.

Poiché gli allevatori utilizzano metodologie decisamente sicure al supermercato le trovate nello scaffale per lasciare che le difese naturali presenti nell’uovo facciano il loro lavoro.

Una volta però acquistate al supermercato è raccomandato collocarle all’interno del frigorifero in modo da abbattere, qualsiasi minima possibilità (esistente, nella percentuale circa di una su 1 milione) di cariche batteriche nocive.

Se invece parliamo di uova fresche deposte da galline del nostro pollaio, essendo sicuri che gli animali sono sani, non c’è necessità di conservarle in frigorifero quindi possiamo lasciarle a temperatura ambiente per massimo una ventina di giorni.

L’uovo è scaduto? 

Nel caso in cui non siate certi della freschezza dell’uovo che state per mangiare, ecco alcuni trucchi ed espedienti per capire se è ancora buono da mangiare.

Metti l’uovo in un bicchiere pieno di acqua con due cucchiai di sale. Se l’uovo va a fondo vuol dire che è ancora buono, se galleggia è da buttare. Nel caso in cui rimanga nel mezzo è ancora buono ma non più freschissimo.

Una volta rotto controlla il tuorlo: se si rompe facilmente significa che non è più fresco.

Inoltre è possibile comprendere la freschezza di un uovo guardandolo controluce. Se attraverso il guscio riusciamo a scorgere il tuorlo al centro, allora questo significa che l’uovo è buono.

Alcune accortezze da utilizzare con le uova crude:

Lavarsi bene le mani dopo aver maneggiato uova crude, utilizzare un separatore d’uova per evitare pericolose trasmissioni di batteri.

Cuocere le uova a temperatura elevate e per diversi minuti. Per quanto riguarda l’utilizzo di uova crude provvedere alla pastorizzazione, ovvero una quasi-cottura a bagnomaria a 82°C, avendo cura di girarle spesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button