Curiosità

Lavorare troppo aumenta il rischio calvizia: la scienza lo conferma

Secondo un recente studio effettuato in Corea del Sud, lavorare troppo è una delle cause maggiori della calvizia. Scopriamo tutti i dettagli della ricerca.

I vostri capelli iniziano a diradarsi sempre di più? Allora questo articolo potrebbe interessarvi, perché affronta proprio le cause della calvizia.

Avete notato un aumento di calvizia? Lavorare troppo potrebbe essere la causa

Lo stress si sa è la causa di moltissimi problemi di salute fisici, e a quanto pare ha un ruolo rilevante anche nella perdita dei capelli.

A dirlo come sempre è la scienza, tramite un interessante studio effettuato dalla Sungyunkwan University School of Medicine della Corea del Sud.

I ricercatori hanno analizzato circa 13mila uomini con un’età compresa tra i 20 e i 59 anni nel corso di 4 anni, ovvero dal 2013 al 2017.

Gli uomini sono stati suddivisi in diversi gruppi in base al numero di ore di lavoro, allo stile di vita, al fumo, lo stato civile, il reddito etc…

Ed i risultati hanno mostrato che coloro che in media hanno lavorato di più, hanno successivamente avuto problemi di calvizie.

Secondo l’autore della ricerca Kyunh-Hun Sun, un uomo che lavora molte ore a settimana ha più probabilità di perdere i capelli, rispetto a uno che ne lavora di meno.

Lavorare troppo, più di 50 ore settimanali come è solito fare in Corea del Sud, causa un discreto stress, che influisce successivamente sui cambiamenti ormonali.

Come per quanto riguarda il cortisolo, l’ormone che influisce negativamente in diverse parti del corpo, come ad esempio i cuoio capelluto.

Per prevenire la calvizia bisognerebbe quindi evitare di lavorare più di 40 ore la settimana. Sono moltissime infatti le categorie di lavoratori che si dedicano alla loro professione più di 8 ore al giorno.

Il lavoro è sicuramente importante, ma la nostra salute molto di più. Potrebbe quindi esservi utile questo nostro articolo che tratta proprio della professione: Odiare il proprio lavoro: ecco come ne risente il corpo

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button