Curiosità

La pillola che cancella brutti ricordi: l’idea che fa discutere

La pillola che cancella brutti ricordi arriva dal Canada e rimanda subito al bellissimo film interpretato da Kate Winslet e Jim Carrey, “Se ti lasci ti cancello”, la tanto discussa traduzione della versione originale “Eternal Sunshine of the Spotless Mind“.

Chiunque di noi se ne avesse la possibilità, vorrebbe senz’altro cancellare i brutti ricordi, non trovate? Scopriamo come funziona questa pillola che sta già facendo discutere.

La pillola che cancella brutti ricordi: tutti i dettagli

I brutti ricordi si fermano indelebilmente nella nostra anima e continuano a far sentire la loro presenza generando ansia, tristezza e dolore. Perché quindi non liberarsene alla prima occasione?

La prima occasione viene fornita grazie ad una ricerca effettuata da  Alain Brunet, psichiatra e ricercatore di Montreal in Canada. Che per 15 anni ha approfondito i suoi studi sugli effetti derivanti dal PSTD, ovvero lo stress post traumatico.

La terapia che ha recentemente messo a punto è un’innovativa tecnica basata sulla psicoterapia e la farmacologia. Prevede una serie di incontri, 6 in tutto, in cui il paziente non deve fare altro che scrivere un ricordo doloroso che dovrà poi leggere ad alta voce.

Ma prima di ogni incontro dovrà ricordarsi di assumere una dose di propranololo, il principio attivo betabloccante che solitamente viene prescritto ai pazienti che soffrono di ipertensione.

L’azione del farmaco unica alla rievocazione del ricordo permettono al paziente di cancellare dal mente l’episodio particolarmente doloroso.

E questo obiettivo non può essere giudicato giusto o sbagliato da nessuno, nemmeno dalla scienza, ma solo dalla nostra coscienza.

Il dolore alla fine, nel bene e nel male, fa parte della nostra vita. E ci dà la possibilità di confrontarci con tanti aspetti di essa. Voi cosa fareste? Prendereste la pillola per cancellare un ricordo particolarmente doloroso della vostra vita?

E se le cose in questo periodo vi vanno malino potrete sempre affidarvi a degli Ascoltatori di lamentele: il nuovo lavoro che è già un successo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button