Benessere

La birra aiuta a combattere le rughe: parola di scienza

Sapete che la birra è in grado di combattere le rughe? Con l’età che avanza la nostra pelle va incontro a diversi cambiamenti, perdita di elasticità, carenza di collagene e cedimento cutaneo sono solamente alcuni esempi. Le rughe inoltre non sono causate solamente dall’età, ma che dai fattori genetici, ambientali e dall’esposizione al sole.

Sappiamo molto bene quanto siano costose creme, cremine e trattamenti vari. Ma abbiamo una buona notizia per voi! Contro le rughe esiste un alleato naturale: la birra. Vediamo di scoprire qualcosa di più.

La birra può combattere le rughe: parola di scienza

La ricerca arriva dal Dipartimento di pediatria, ostetricia e ginecologia dell’Università di Valencia che ha parlato degli effetti benefici della birra. Ricca di antiossidanti, vitamina B, acido folico e polifenoli, la birra è in grado di essere molto più efficace della maggior parte dei prodotti utilizzati.

Il Dott. Codoner Pilar Franch dell’Università di Valencia ha spiegato che gli antiossidanti della nostra bionda preferita, combattono la formazione dei radicali liberi lavorando con le proteine e gli zuccheri.

La birra contiene orzo cotto, uno dei maggiori protagonisti di questa scoperta e l’ingrediente che dona alla bevanda il suo caratteristico sapore. La quantità di antiossidanti contenuti nella birra dipende dalle varie tipologie della bevanda. E anche dal metodo di produzione.

È implicito che non si deve mai esagerare con la birra. Perché se è vero che fa bene alla pelle è anche vero che un suo consumo esagerato può provocare diverse e altre problematiche. Nella vita quindi ci vuole sempre il giusto equilibrio. E lo stesso vale con la birra: consumo moderato e benefici a go go. Fateci sapere nella sezione dei commenti cosa ne pensate di questa interessante scoperta.

E visto che stiamo parlando della bionda preferita da tutti vi invitiamo a leggere un altro articolo collegato: Le terme a base di birra in Italia come toccasana per il benessere

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button