Storie

Joe Rwamirama, l’uomo che uccide le zanzare con i peti

Che le zanzare inizino a temere per la loro sopravvivenza, perché il loro sterminatore ha deciso di dedicare la sua vita alla loro distruzione. L’uomo si chiama Joe Rwamirama e contro i fastidiosi insetti possiede un’arma letale: i suoi peti.

E si tratta di un sistema talmente infallibile che un’azienda ha deciso di assumerlo per creare un nuovo repellente anti zanzara.

Joe Rwamirama: lo Sterminatore di Zanzare

Ha 48 anni, viene dall’Uganda e i suoi peti neutralizzano immediatamente le zanzare che gli circolano intorno. Potrà sembrare una bufala, ma non lo è.

L’uomo, salito recentemente alla ribalta mondiale per questa sua innata capacità, gode già da tempo di un’altissima considerazione, da parte degli abitanti del suo quartiere.

Joe Rwamirama vive a Kampala, ed è convinto che i suoi peti siano l’arma di distruzione di massa delle zanzare, insetti che certamente non godono della simpatia della gente.

Un’arma a cui ricorre solo in situazioni drastiche, ovvero quando le zanzare hanno ormai preso il sopravvento e non lo lasciano più tranquillo.

Intervistato dai media, ha dichiarato di essere un uomo normale che si fa il bagno tutti i giorni. Secondo lui i suoi peti sono esattamente come quelli degli altri, con l’unica differenza che riescono a far fuori gli insetti come le zanzare.

Addirittura, alcuni suoi vicini sono soliti utilizzarlo nel momento del bisogno. Inoltre attualmente è stato assunto da un ‘azienda con lo scopo di creare un nuovo repellente per zanzare.

Un repellente che avrà come ingrediente base i suoi gas intestinale. Che sono efficaci fino a 6 metri di distanza. Nessun esperto è riuscito a capire cos’abbiano i suoi peti a differenza di quelli altrui.

Anche perché Joe Rwamirama ha dichiarato di seguire un’alimentazione normale, uguale a quella delle altre persone.

Vicenda strana per vicenda strana, a questo punto non potete perdervi la storia di quest’uomo: Derryl Murphy, l’uomo che non parla da 4 anni con la famiglia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button