Curiosità

Il pavimento che illude: l’idea della ditta inglese che ha un particolare scopo

Ecco a voi il pavimento che illude, ovvero un pavimento realizzato con l’obiettivo di confondere e traviare tutte le persone che lo attraversano o che vorrebbero farlo.

Si tratta di una particolare idea di una ditta inglese che, nel giro di pochissimo tempo, è diventata una nuova mania sui social e sul web. Voi cosa vedete? Ecco come è stato realizzato questo pavimento e soprattutto a quale scopo.

L’effetto ottico che confonde: il pavimento che illude

Osservate bene l’immagine. Che cosa vedete? Chiunque sarebbe portato a dire che si tratta di un corridoio che, chissà per quale motivo, presenta una buca laterale che dà proprio l’impressione di scivolare.

Bene, iniziamo dicendovi che è esattamente questo l’effetto che lo showroom ha voluto ricreare. Perché? Perché in quel corridoio non si deve correre.

Ora, sinceramente non sappiamo chi si metta a correre all’interno di uno showroom di piastrelle, sappiamo solo che se qualcuno avesse davvero intenzione di farlo, in questo modo potrebbe desistere.

Questo particolare pavimento che illude è stato realizzato, come detto, all’interno di una ditta di piastrelle di Manchester, allo scopo di confondere i visitatori e farli procedere con calma.

Ovviamente, sembra chiaro che in realtà si tratti di una geniale trovata pubblicitaria. In realtà si tratta di un semplicissimo effetto ottico, dal momento che il pavimento non è affatto curvo, ma perfettamente piatto.

Le mattonelle bianche e nero con il quale è stato realizzato, infatti, sono state progettate proprio a questo scopo. Ogni mattonella ha una propria forma e dimensione che, nell’immagine globale, dà proprio l’effetto della buca e del movimento.

L’idea è proprio quella di far capire al cliente che con queste mattonelle si può fare veramente di tutto. Al di là della pubblicità, però, una cosa è certa: questo pavimento è davvero incredibile.

Guardate il video nel quale si spiega come è stato realizzato:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button