Curiosità

Il New York Times propone la carbonara con il pomodoro

Carbonara con il pomodoro. Quattro semplici parole che però incutono profondo timore. Amici, anche per voi c’è qualcosa che non va in questa ricetta o siamo noi i soliti esagerati?

Perché mai qualcuno dovrebbe stravolgere una ricetta pressoché perfetta?

La carbonara con il pomodoro: la ricetta che arriva dall’America

Ovviamente gli inventori di questo piatto non potevano che essere loro. Gli americani. Eccoci quindi pronti a un nuovo pezzo sulla nostra rubrica “la cucina degli orrori”. Stavolta la protagonista è nientedimeno che lei, la regina. La Carbonara. E sì, la scriviamo con la lettera maiuscola per omaggiarla come merita.

Comunque, la discutibile versione al pomodoro è opera di una chef che pubblica sul New York Times. E che naturalmente non è passata inosservata!

Le hanno perfino dato un nome, Smoky Tomato Carbonara. E non non riusciamo ad evitare una semplice domanda. Perché?!?

Anche perché nell’articolo pubblicato dal New York Times hanno inserito anche una descrizione della ricetta. Che secondo loro viene fatta con uova, guanciale, pepe nero e parmigiano. Parmigiano. E poi non contenti hanno affermato di preferire la pancetta. Che secondo loro dona un tocco affumicato.

Insomma, le premesse già non sono buone, ma lo scempio non è ancora finito. Il fondo si è raggiunto quando hanno consigliato di aggiungere due cucchiai di concentrato di pomodoro e di 200 grammi di pomodorini tagliati a metà. Così, completamente a caso.

Naturalmente gli utenti si sono scatenati. E non è mancato nemmeno il commento di Coldiretti:

“La carbonara al pomodoro è la punta dell’iceberg della falsificazione del Made in Italy a tavola che nel mondo ha superato i 100 miliardi di euro con gli Stati Uniti al primo posto”.

E come dargli torto? Visto che parliamo di cibo italiano e visto che parliamo di pasta, vi ricordiamo anche quest’altra bestialità culinaria: Arrivano i Kaghetti KFC, il nuovo piatto “ispirato” alla cucina italiana

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button