Attualità

Gordon Ramsay, il tagliere costa 22 Euro e scoppia la polemica

È finito ancora al centro delle polemiche Gordon Ramsay e questa volta a causa di un tagliere. Che secondo la maggior parte delle ultime recensioni costa davvero troppo e offre un risultato scadente.

I prezzi dei suoi ristoranti sono alle stelle e ciò è sicuramente commisurato alla qualità delle pietanze che offre. Ma cosa succede se le recensioni criticano anche la bontà dei suoi piatti? Vi raccontiamo quello che è successo.

Gordon Ramsay e il tagliere della discordia

Non c’è pace per lo chef britannico che nei giorni scorsi è stato bersagliato a causa dei prezzi e della qualità scadente dei suoi piatti. Con l’avvento di Tripadvisor si è complicata la vita di ristoratori e albergatori, che ogni giorno devono fare i conti con decine di recensioni.

C’è da dire che alcune volte le suddette recensioni hanno poco di veritiero, il problema è che non è facile dimostrare il contrario. L’ultimo ad essere finito al centro delle critiche è il famoso chef Gordon Ramsay. Che viene accusato di preparare piatti scadenti ad un prezzo elevato.

Vogliamo fare un po’ di conti? Il suo menù a tre portare del ristorante stellato di Londra costa la bellezza di 140 euro a persona. E non comprende il té o il caffè. Nei giorni scorsi su Tripadvisor si sono aggiunte delle recensioni davvero poco lusinghiere e molto negative. Al centro della polemica è finito il suo tagliere di formaggi che da solo costa 22 euro a persona.

Alcuni clienti lo hanno definito “insipido” e “insultante” ed è andata peggio alle tartine descritte come al “limite della noia“. Purtroppo per Ramsay non finisce qui. Anche un secondo piatto a base di carne e patate ha ricevuto moltissime critiche.

Fra le righe delle recensioni si leggono parole come “minuscola”, troppo salata” e per finire “Gordon non è Heston”. Il riferimento a un altro chef inglese, Heston Blumenthal è puramente casuale!!!

Sempre sullo chef inglese: Gordon Ramsay offre il lavoro dei sogni: “Pagati per mangiare e viaggiare”

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button