Storie

Ginecologo usa il proprio seme per le inseminazioni: è padre di 17 figli

Il ginecologo usa il proprio seme e contribuisce alla nascita di ben 17 bambini. È successo in Olanda molti anni fa, ma la notizia è stata riportata solo adesso, dopo la morte del dottore.

E ha provocato moltissime polemiche, soprattutto perché la clinica ha moralmente attaccato l’operato del medico. Pare che una storia molto simile fosse accaduta anche in una banca del seme olandese. Dove si era scoperto anni dopo, che l’ex direttore aveva contribuito alla nascita di 49 bambini.

Ginecologo usa il proprio seme in una clinica per la fecondazione assistita

Naturalmente le cose non sono andate nella maniera che pensano i più maliziosi. Il ginecologo è sì il padre biologico di 17 bambini, ma non ha mai avuto rapporti ravvicinati con le madri. Ha semplicemente donato il suo seme. Di conseguenza sono molte le persone che hanno finito per considerarlo altruista e gentile.

Il ginecologo all’epoca lavorava proprio in una clinica per fecondazioni assistite e non ci ha pensato due volte ad aiutare le coppie in difficoltà. Tutto ciò è accaduto fra il 1981 e il 1993 e secondo i risultati del test del DNA, il dottore è il padre biologico di 17 bambini.

Ma come mai si è scoperta la verità solo adesso? È presto detto! Dopo la sua morte avvenuta nel 2009, l’ospedale ha deciso di rivelare la verità. E questo solamente dopo aver chiesto il consenso anche alla famiglia del compianto dottore.

La clinica di Zwolle dove Jan Wildschut lavorava ha effettuato l’incredibile scoperta alla fine del 2019 e ha preso una posizione ben precisa. Il personale ha deciso di schierarsi contro il ginecologo e ha definito la sua condotta “moralmente inaccettabile”.

E voi cosa ne pensate di tutta questa storia? Fatecelo sapere nella sezione dei commenti, ma prima, date un’occhiata anche a quest’altra storia incredibile: La storia di Winston Blackmore, l’uomo con 24 mogli e 149 figli

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button