Attualità

Forlì, agenzia immobiliare vieta l’ingresso a chi indossa la mascherina

Un’agenzia immobiliare di Forlì vieta l’ingresso alle persone munite di mascherina. E lo fa pubblicando dei discutibili cartelloni in cui campeggiano frasi al limite della fantascienza e addirittura un cartello in cui c’è rappresentata una bara. Con su scritto “Qui giace la Costituzione italiana“.

Il titolare dell’agenzia immobiliare ha deciso di prendere una posizione contro le restrizioni stabilite dal Governo. E fin dall’inizio della pandemia ha attaccato sulla vetrina della sua attività alcuni lenzuoli che sbandierano la sua personale idea sul Coronavirus.

Forlì: agenzia immobiliare vieta l’ingresso alle persone con la mascherina

Si chiama Carlo Laurenzi, è il titolare dell’agenzia immobiliare Labirinto, di Viale Fratelli Spazzoli a Forlì ed è un dichiarato negazionista. Convinto che il Covid-19 sia una montatura mediatica per limitare la libertà personale dei cittadini.

Per questo ha deciso di non accogliere i clienti che entrano con la mascherina. Uno strumento che secondo lui non serve per proteggersi dal virus ma che è semplicemente un segno di sottomissione. Nel corso dei mesi i cartelli sono stati cambiati più volte. Al sedicente negazionista non manca la fantasia e siamo passati da “Chi rinuncia alla libertà per avere sicurezza, non merita né libertà, né sicurezza” a “Qui giace la Costituzione italiana”.

Secondo lui lo Stato Italiano è colpevole di aver commesso errori enormi i cui effetti sono poi ricaduti sui cittadini. Il Governo ha volutamente violato la libertà personale e le leggi già esistenti e ha “imbavagliato” con le mascherine i cittadini. Che secondo Laurenzi sono dei “pecoroni“.

Naturalmente non finisce qui, perché il signor Laurenzi ha anche affermato di vietare, di fatto, l’ingresso a coloro che indossano la mascherina. E che come commerciante non è obbligato a servire nessun cliente. Inoltre è fermamente convinto di voler far causa a chi potrebbe fargli chiudere l’attività.

I suoi cartelloni non sono passati inosservati e oltre a infastidire i passanti hanno attirato anche l’attenzione di Luigi Di Maio che ha così commentato:

“Un gesto di pessimo gusto. Soprattutto considerate le tante vittime mietute dal Covid, le sofferenze che sta provocando e gli enormi disagi che sta producendo per milioni di italiani. Anche a Forlì, dove opera questo signore.
Inqualificabile”.

E a proposito di disposizioni: Pavia, multa ad una barista che si è abbassata la mascherina per fumare

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button