Fase 2, multa di 400 Euro al titolare di un bar per una foto

Arriva da Pordenone la notizia di una multa di 400 Euro per il titolare di un bar durante questa fase 2 dell’emergenza Coronavirus. Una notizia che ha creato non poche polemiche e che noi ci limitiamo a riportare per ciò che è.

Sappiamo bene che con l’ultimo Decreto annunciato dal Premier Conte, dallo scorso 18 di Maggio le restrizioni sono state allentate. Siamo ufficialmente nella fase 2, con l’eliminazione delle autocertificazioni che ci fa sentire sicuramente più liberi. Non dobbiamo più giustificare i nostri spostamenti.

Ma come detto più volte, l’attenzione deve restare alte. Le attività commerciali hanno riaperto i battenti. I negozi della vendita al dettaglio sono tornati in attività, così come i bar e i ristoranti. Ma anche se c’è stato un netto allentamento delle restrizioni, restano due regole indispensabili: l’utilizzo della mascherina e il distanziamento sociale.

In tutto ciò che facciamo dobbiamo sempre tenere conto di queste due regole anti contagio. E la trasgressione di una di queste due regole è ciò che ha portato alla multa di 400 Euro in questa fase 2 per il titolare di un bar. Vediamo insieme che cosa è successo.

Coronavirus, fase 2: multa di 400 Euro al titolare di un bar per una foto con i dipendenti

Come detto la notizia arriva da Pordenone. Il titolare di un bar che ha riaperto da poco i battenti si è visto recapitare una bella multa di 400 euro per aver violato il Decreto Legge 19 del 25 Marzo 2020. Il motivo? Una foto.

Il protagonista della vicenda si chiama Andrea Esposito, il quale, durante un’intervista, ha dichiarato che inizialmente aveva pensato fosse uno scherzo. Purtroppo per lui nessuno gli aveva teso uno scherzo e la multa era autentica più che mai.

Ma cosa è successo? Dopo aver riaperto il suo bar, Andrea ha deciso di scattarsi una foto ricordo con i suoi dipendenti. Una foto che aveva il solo compito di ricordare il momento difficile attraversato e il giorno della tanto attesa riapertura.

Peccato che nella foto fosse evidente che nessuno avesse rispettato la distanza di sicurezza. Titolare e dipendenti si abbracciano, violando così il Decreto che stabilisce l’obbligo di mantenere la distanza minima di un metro. E a proposito di Coronavirus, ecco tutto ciò che c’è da sapere sull’App Immuni.

Credits photo: messaggeroveneto.gelocal.it

} ?>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *