Storie

Famiglia in Olanda vive da 9 anni in una cantina in attesa dell’apocalisse

Una storia allucinante e incredibile quella che vede protagonista un’intera famiglia in Olanda che ha vissuto per 9 anni in una cantina per paura dell’apocalisse.

La vicenda è venuta adesso alla luce grazie alla confusa testimonianza del figlio maggiore, fuggito dalla cantina sporco e vestito di soli stracci.

Un’intera famiglia in Olanda ha vissuto in uno scantinato per 9 anni per paura dell’apocalisse

E’ fuggito dalla fattoria e si è rifugiato in un Pub, sporco, vestito di stracci e in evidente stato confusionale. Lì, dopo aver chiesto delle birre ha rivelato la storia della sua famiglia che in poco tempo è finita su tutti i giornali.

Sta facendo il giro del mondo la storia di questa famiglia olandese residente nella provincia di Drenthe (Olanda), che per 9 anni si è nascosta nella cantina di una fattoria vicino al villaggio di Ruinerworld.

Il motivo? Aspettavano la fine del mondo e nessuno li avrebbe mai scoperti se uno di loro non fosse fuggito nel cuore della notte.

Dopo la richiesta d’aiuto del ragazzo la polizia del luogo si è velocemente recata sul luogo indicato dal testimone e quello che si sono trovati davanti ha lasciato tutti sbigottiti.

In una cantina nascosta da una credenza hanno trovato un uomo di quasi 60 anni in compagnia dei suoi 5 figli di età compresa tra i 18 e i 25 anni).

L’uomo era a letto (scopriranno dopo a causa di un ictus), mentre ad un controllo nessuno dei ragazzi è risultato registrato all’anagrafe.

Niente scuola per loro e quel che è peggio è che non avevano nemmeno idea che al di fuori di quello scantinato esistesse il mondo reale.

Della madre nessuna notizia, secondo la polizia potrebbe essere morta, mentre secondo i vicini e il sindaco del villaggio quell’uomo non è neppure il padre biologico dei ragazzi, né tantomeno il proprietario della fattoria.

Ma le stranezze per oggi non finiscono qui, ecco la storia di Kalaca Skull, l’uomo che vuole sembrare un teschio

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button