Attualità

Dpcm Natale, frenata sui ristoranti: si va verso il no alle deroghe

Emergenza Coronavirus, sul Dpcm di Natale il Governo frena sui ristoranti. In attesa della scadenza delle attuali misure di restrizione fissate per il 3 Dicembre, si parla da giorni di allentamenti e regole meno severe. In vista del Natale il Governo sembra intenzionato ad allentare la presa, ma solo a determinate condizioni.

Il Premier Conte lo ripete da giorni: non sarà un libera tutti, non possiamo ripetere l’errore di questa estate. Non possiamo pensare di passare un Natale classico, anche se la speranza è che non sia un Natale in quarantena. Saranno i dati a dircelo, perché il Governo sembra intenzionato a mantenere la divisione in zona gialla, arancione e rossa.

La speranza è che all’inizio di Dicembre nessuna delle nostre Regioni si trovi in zona rossa. In tutto questo la questione dei ristoranti resta un nodo aperto. Quali saranno le disposizione del Governo sui ristoranti con il prossimo Dpcm di Natale? Vediamo insieme tutte le ultimissime novità.

Dpcm di Natale, il Governo frena sui ristoranti: si va verso il no alle deroghe per le Regioni più a rischio

Il Governo sembra aver frenato sulla riapertura dei ristoranti. Al momento l’idea sembra quella di tenerli chiusi nelle zone gialle dopo le 18 e tutto il giorno nelle zone rosse e arancioni. Il Premier Conte ripete che la speranza è che dal prossimo Dpcm tutte le Regioni italiane si trovino in zona gialla, con l’obbligo però di mantenere l’attenzione alta.

I Governatori delle Regioni continuano però a chiedere un allentamento. I ristoranti devono riaprire anche a cena nelle zone gialle, magari mantenendo la regola delle 4 persone a tavola al massimo. Per il Governo però non si tratta del rischio contagio mentre si è al ristorante, ma del rischio che la riapertura serale possa provocare una maggiore mobilità degli italiani.

Il tutto sommato agli allenamenti in vista delle feste di Natale, soprattutto nel caso di negozi e spostamenti tra Regioni. Lo stesso discorso vale per le zone arancioni, per le quali i Governatori chiedono l’apertura almeno a pranzo. A proposito di questo, ecco tutto ciò che c’è da sapere sulle visite ai congiunti a Natale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button