Attualità

Dpcm, i nuovi divieti dal 16 Gennaio: spostamenti, ristoranti e palestre

Nuovo Dpcm in arrivo, in vigore dal 16 di Gennaio e sembra sempre più probabile l’arrivo di nuovi divieti. 5 Regioni sono ufficialmente finite in zona arancione da Lunedì e in tutta Europa è record di morti.Proprio in questi giorni i dati registrati dalla cabina di regia fanno pensare all’arrivo dell’ormai famosa terza ondata e il Governo si prepara a nuove mosse per fermare il contagio.

Il Dpcm attualmente in vigore scade il prossimo 15 Gennaio e sembra sempre più probabile che sia in arrivo una nuova stretta. Massima allerta su tutto il territorio, con il Ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia che conferma la divisione nelle tre fasce di colore di tutta l’Italia. Vediamo quindi tutte le novità sui divieti in vigore dal 16 di Gennaio con l’arrivo del nuovo Dpcm.

Dpcm, i nuovi divieti dal 16 Gennaio: spostamenti, ristoranti e visite a amici e parenti

Iniziamo con i confini regionali, uno dei punti più discussi del prossimo Dpcm. Secondo le ultime indiscrezioni, continuerà anche dal 16 di Gennaio il divieto di uscire dalla Regioni, se non per gli ormai famosi comprovati motivi di necessità, salute o lavoro. Insomma, niente gite fuori dai confini regionali. Per quanto riguarda le visite ad amici e parenti, restano le regole classiche delle tre fasce di colore.

Nelle zone arancione ci potrà spostare liberamente nel Comune e dunque andare a trovare chi vogliamo, senza però uscire dai confini comunali. Nelle zone gialle, invece, ci si potrà spostare liberamente per la regione, con la possibilità dunque di andare a trovare qualcuno anche fuori Comune, purché all’interno della stessa Regione.

Novità in arrivo per bar e ristoranti? Per il momento sembra di no. Confermata dunque la chiusura di bar e ristoranti dalle 18, ad eccezione delle consegne a domicilio e dell’asporto. Questo punto però è ancora tra i nodi da discutere. In arrivo anche novità per piscine e palestre. Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, infatti, sembra intenzionato a riaprire queste strutture almeno per le lezioni individuali. In attesa di ulteriori novità, scoppia la polemica a Modena, dove sono avanzati dei vaccini e gli operatori li hanno somministrati ai parenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button