Attualità

Dpcm e Natale, il Governo fa chiarezza sulle deroghe per gli spostamenti

Il Dpcm di Natale ha provocato diversi malumori, vediamo quindi quali sono le deroghe previste per quanto riguarda i principali dubbi a riguardo. Ormai infatti è ufficiale, a il 25, il 26 dicembre e il 1 gennaio non ci si potrà spostare fra Comuni. Nemmeno se siamo distanti una manciata di metri.

Il Dpcm di Natale infatti non ha fatto nessuna distinzione tra metropoli e borghi. Un punto sul quale non è d’accordo nemmeno il presidente della Lombardia Attilio Fontana.

Le deroghe del Dpcm di Natale

E sono proprio le sue parole ad avere trovato il consenso di moltissime persone. Il Governatore della Lombardia ha chiesto al Governo la differenza dal punto di vista sanitario di uno spostamento in un grande Comune e in quello in Comune vicino 500 metri.

Rientra ovviamente tra le deroghe, la possibilità di recarsi da una persona, amica o familiare, non autosufficiente. Naturalmente potrà recarsi da colui o colei che ne ha bisogno solamente una persona munita di autocertificazione. Le FAQ pubblicate sul sito web del Governo parlano chiaramente. Purtroppo non si fa menzione di anziani soli ma solamente di persone non autosufficienti.

Per quanto riguarda le seconde case è possibile raggiungerle solamente se si parte e si arriva in zona gialla prima del 20 dicembre. Gli spostamenti saranno vietati in tutto il Paese dal 21 al 6 gennaio. Le motivazioni per cui gli spostamenti dal proprio Comune sono consentiti sono diverse e variano da Regione a Regioni.

In Toscana ad esempio, Eugenio Giani, il presidente, ha parlato di spostamenti giustificabili per i seguenti motivi:

  • parrucchiere
  • estetista
  • carrozziere di fiducia
  • manutenzione della barca
  • raccolta di tartufi
  • cura degli animali di allevamento

Per quanto riguarda gli spostamenti su tutto il territorio nazionale, saranno consentiti quelli che riguardano motivi di manutenzione urgenti. È inteso che la permanenza è concessa non oltre il termine dei lavori.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button