Attualità

Dpcm di Natale, entro stasera le nuove regole: due ipotesi

Ancora atteso il Dpcm di Natale ma le ipotesi che si stanno facendo largo in questi giorni sembrano essere le uniche da tenere in considerazione. In ogni caso entro stasera dovrebbe arrivare il via libera del Consiglio dei ministri. Che deciderà il destino del Paese.

Le anticipazioni parlano anche di una deroga, che potrebbe consentire agli italiani di muoversi nei giorni festivi allo scopo di andare a trovare i congiunti. Scopriamo gli ultimi aggiornamenti.

Dpcm di Natale in arrivo: le ipotesi più probabili

Come riporta il Corriere della Sera proprio a proposito della suddetta deroga ecco il testo che il nuovo decreto legge potrebbe inserire:

“Lo spostamento verso le abitazioni private è consentito nei limiti di due persone per ciascuna di esse, ulteriori a quelle ivi già conviventi”.

Sembrerebbe che il Premier abbia intenzione di aumentare il numero delle persone a patto che questi siano minori di 14 anni. Il suo obiettivo è quello di imitare la decisione presa dalla Merkel in Germania. In ogni caso nelle giornate di domani e domenica non sono previste delle limitazioni.

Ma tornando alle due ipotesi ecco la prima, ovvero quella preferita dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Che vorrebbe fermare il lockdown per tre giorni di libertà, a cavallo tra Natale e Capodanno. Una linea più soft che prevede lo stop alle uscite nel proprio Comune e la chiusura di locali e negozi nei giorni festivi e prefestivi. Per un totale di 8 giorni di restrizione dal 24 al 27 dicembre e dal 31 dicembre al 3 gennaio.

Molto più restrittivo e limitante il secondo scenario. Ovvero quello richiesto dai rigoristi capeggiati dai ministri Boccia, Speranza e Franceschini. Che vorrebbero un lockdown totale e senza interruzioni dal 24 dicembre al 6 gennaio. Niente feste, assembramenti e cenoni.

Per ulteriori aggiornamenti sulla situazione italiana: Covid, la terza ondata fa paura: Gennaio e Febbraio i mesi più duri

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button