Curiosità

Dormiglione professionista: Ikea cerca qualcuno da pagare per dormire

Attenzione, attenzione, perché se siete in cerca di un lavoro davvero dei sogni, forse oggi abbiamo trovato qualcosa che può fare al caso tuo: il dormiglione professionista.

Non è la prima volta che vi parliamo di essere pagati per dormire. Poco tempo fa, infatti, vi abbiamo parlato dell’annuncio di lavoro della Nasa, che offriva 5mila dollari al mese per stare a letto. Questa volta, invece, il lavoro dei sogni arriva da una grandissima azienda multinazionale, Ikea. Ecco di che cosa si tratta.

Il lavoro che non ti aspetti: il dormiglione professionista

Avete sempre sognato un lavoro che riuscisse ad unire i vostri vizi con il bisogno di guadagnare? Se adorate dormire, allora il dormiglione professionista potrebbe davvero fare al caso vostro.

L’offerta di lavoro arriva direttamente da Ikea, la grande azienda svedese specializzata nella vendita di arredi. L’obiettivo è quello di trovare un Chief of Slepp, ovvero un Caposonno. 

Cosa dovrà fare il dormiglione professionista? Niente di più facile: dovrà provare i materassi e valutarne la qualità. L’idea nasce da una recente indagine che ha rivelato che gli svedesi non danno alle ore di sonno la giusta importanza, sottovalutando gli effetti che un buon materasso può avere sul riposo e sul nostro benessere in generale.

L’obiettivo è quindi quello di trovare il materasso perfetto, testando la qualità dei vari prodotti, ovviamente dormendo. Attenzione però, perché Ikea non sta cercando qualcuno che dorma in piedi. Si cerca un lavoratore sveglio, pieno di idea, che sappia sì valutare i prodotti che esistono ma che sappia anche proporre qualcosa di nuovo.

Non solo, quindi, dormire. Il candidato dovrà essere anche in grado di trovare soluzioni e gestire problemi. Se siete in grado di unire la vostra voglia di dormire con la vostra creatività, allora questo potrebbe essere davvero il lavoro dei vostri sogni. L’unico problema? Dovrete trasferirvi in Svezia.

Related Articles

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button