Storie

Donna drago: 42mila sterline per trasformarsi in un drago

La donna drago è la prima donna trans-specie unica nel suo genere. Si chiama Eva, viene dal Texas ed è in realtà nata uomo. La sua vita è stata dolorosa fin dall’inizio e l’ha portata a voler cambiare radicalmente il suo corpo, con cui non si sentiva a sui agio.

Si chiama Eva Tiamat Medusa, viene da Bruni e per avere questo aspetto da drago tanto desiderato, ha finora speso 42.000 sterline.

La donna drago: ecco la sua storia

Lei stessa si definisce “la persona transgender più modificata in tutto il mondo” e molto probabilmente lo è davvero. Tutto è iniziato quando Eva, all’epoca un uomo, scopre di avere l’HIV.

Subito dopo la diagnosi, una certezza: non aveva assolutamente voglia di morire come un essere umano, così butta all’aria la sua vita e decide di iniziare una nuova esistenza.

La prima cosa a cui rinuncia è il suo posto di lavoro, Eva era infatti il vicepresidente di una banca. Subito dopo rinuncia anche al naso e alle orecchie, una trasformazione necessaria per far posto alle squame e alle corna.

Naturalmente anche i suoi occhi hanno subito un cambiamento. Ma come mai Eva ha scelto proprio il drago?

Ebbene, come vi avevamo anticipato, Eva ha vissuto una vita di dolore. Abbandonata all’età di 5 anni nel deserto, ha finito per trovare nei serpenti che le facevano compagnia, una sorta di figura genitoriale che non aveva più.

La scelta di diventare anche lei stessa una sorta di serpente a sonagli è stata quasi obbligata. Lei stessa ha infatti dichiarato di identificarsi di più nei rettili, rispetto ad un essere umano.

La sua trasformazione in rettile è iniziata con dei tatuaggi, per proseguire con delle modifiche corporali sempre più importanti.

Finora ha speso circa 42 mila sterile (60 mila euro), ma ha dichiarato di volerne spendere ancora di più. Alla fine, questa trasformazione è il viaggio più grande della sua vita.

Ma ecco un altro trasformista di tutto rispetto: Kalaca Skull, l’uomo che vuole sembrare un teschio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button