Curiosità

Cuscino per bere birra di notte: l’idea che spopola

Il cuscino per bere birra è l’ultima geniale invenzione, di cui probabilmente avevamo bisogno tutti. Perché cosa c’è di meglio che abbandonarsi al sonno, nella tranquillità di casa nostra, mentre si sorseggia un po’ di birra?

Fortuna che ci ha pensato un tale di nome Phil ad inventare una diavoleria del genere, che è facilmente replicabile dopo aver guardato il video tutorial pubblicato da lui stesso.

Cuscino per bere birra di notte: l’invenzione che ci serviva

“Ti svegli la notte, hai sete e non vuoi l’acqua? Bene, il cuscino per la birra allora fa proprio al caso tuo”. Con queste parole, il novello Archimede, ha parlato della sua invenzione sul suo canale YouTube.

Ovviamente il cuscino per bere birra è già diventato il protagonista di migliaia di discussioni su internet. E chissà come mai?

Secondo il suo ideatore, ogni persona che andrà a letto bevendo birra dal cuscino, non potrà fare a meno di addormentarsi con il sorriso sulle labbra.

Morbido (grazie alla schiuma della birra), grande e soprattutto ricolmo della bionda preferita da tutti, che è possibile ingurgitare grazie ad un’apposita cannuccia.

Phil, non vuole assolutamente arricchirsi vendendo il suo cuscino, infatti nel video che ha pubblicato, ha spiegato anche le istruzioni per costruirlo a casa propria.

Il materiale è facilmente reperibile, vi basterà qualche bottiglia di birra, una cannuccia lunga e una busta che è possibile chiudere ermeticamente.

Se siete interessati a procurarvene uno, non dovrete fare altro che seguire le istruzioni di Phil nel video che troverete di seguito:

Adesso non vi resta che organizzarvi e poi potrete passare delle splendide nottate in compagnia della vostra bionda preferita! Scherziamo, mi raccomando, andateci piano con l’alcool.

E se proprio non potete fare a meno di abbandonarvi ad un bel boccale di birra una volta ogni tanto, almeno scoprite quali benefici apporta al nostro corpo: Benefici della birra: funziona anche da antidolorifico

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button