Gin allo sterco di elefante: l’idea che fa discutere

Se pensavate di averle viste davvero tutte, fidatevi di me: vi siete sbagliati e anche di tanto. Perché è in arrivo direttamente dal Sudafrica il nuovo Gin aromatizzato allo sterco di elefante.

I suoi pazzoidi (O geniali?) creatori lo descrivono come delizioso, speziato e anche un pochino terroso. Giusto per non farsi mancare niente!

Gin aromatizzato allo sterco di elefante

Ovviamente già la notizia ha fatto ampiamente discutere, perché l’idea di dover bere un gin preparato con sterco di elefante, non attira la maggior parte delle persone.

In ogni modo, questo prodotto alcolico si chiama “Indlovu Gin” ed è stato inventato da una coppia di coniugi: Les e Paula Ansley.

I due saliti di recente alla ribalta proprio a causa della creazione del Gin allo sterco di elefante hanno detto che è tutto vero, non c’è nessun inganno dietro.

Hanno anche raccontato di come sono arrivati all’idea del prodotto finale. Il tutto risale a circa un anno fa, quando durante un safari in Sudafrica, i due sono venuti a conoscenza del particolare processo digestivo di questi meravigliosi animali.

I ranger locali, hanno spiegato loro che gli elefanti si nutrono di tantissima frutta e verdura, ma finiscono per digerirne solo meno di un terzo.

Quindi dopo una nottata insonne, i coniugi hanno deciso di sfruttare questo meccanismo così naturale e hanno creato il Gin.

Sfruttando il duro lavoro degli animali, si limitano a raccogliere le feci, ad asciugarle e lavarle. Dopo eliminano la sabbia e il terriccio e tengono da parte i fiori, la frutta e la corteccia digerita.

Hanno dichiarato che per realizzare 4 mila bottiglie, hanno bisogno di 5 sacchi di sterco. Un lavoraccio eh, ma secondo loro ne vale assolutamente la pena.

Beh, se non sapete cosa regalare a Natale, fate un pensierino su questo nuovo Gin aromatizzato allo sterco di elefante… possibilmente a qualcuno che non vi sta poi così tanto simpatico.

Oppure, potreste regalare a qualche neo genitore questa speciale tutina per neonato per pulire il pavimento

(Visited 84 times, 1 visits today)
} ?>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *