Attualità

Covid, diverse Regioni cambiano colore: tutte le novità

Covid alcune Regioni sono pronte a cambiare colore. È atteso per la giornata di oggi il report del Ministero della Salute che dovrebbe illustrare il rallentamento del contagio. Finalmente alcune Regioni potrebbero cambiare colore e questa volta, non per andare incontro a misure più restrittive, ma per alleggerirle.

Come riporta il Sole24ore, la Lombardia e il Piemonte, dovrebbero passare da zona rossa (la peggiore) a zona arancione. Anche perché nelle zone di Milano e di Lodi, l’ormai famoso indice Rt è sceso sollo l’1. Si tratta di una notizia positiva visto e considerato che il capoluogo lombardo è dall’inizio dell’epidemia uno dei più colpiti.

Covid: le Regioni pronte a cambiare colore

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha dichiarato che da circa due settimane i dati sono in netto miglioramento e che entro la settimana prossima il Piemonte potrà essere in zona arancione.

“L’Rt quando andammo in zona rossa era 2.16 e nell’ultimo report di venerdì era di 1.1. Questo vuol dire che il ‘contachilometri’ del contagio ha rallentato e rallentato molto”.

Discorso completamente diverso per Calabria e Valle d’Aosta che quasi sicuramente rimarranno in zona rossa ancora per un po’. La valle d’Aosta non è riuscita a diminuire i ricoveri in terapia intensiva, mentre la Calabria ha sbagliato a tracciare i dati. Puglia e Sicilia si trovano al momento in una situazione piuttosto incerta, soprattutto quest’ultima che deve fare i conti con un’ispezione dei Nas a causa della possibilità che alcuni dati siano stati truccati.

La Basilicata, che finora ha sempre mantenuto un profilo basso, ha ora l’indice Rt più altro d’Italia (1,46). Per questo potrebbe essere l’unica Regione a dover entrare in zona rossa. Per le decisioni ufficiali non ci resta che aspettare le ordinanze del ministro della Salute.

Per ulteriori aggiornamenti: Coronavirus, spunta una data per la riapertura delle scuole

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button