Attualità

Covid, oggi la decisione su zone rosse allargate e Regioni in arancione

Covid, in arrivo a breve la decisione sulle regioni che finiranno in zona arancione e quella relativa alle zone rosse allargate. Le varianti continuano a fare paura e molto probabilmente porteranno a un allargamento delle zone che stanno subendo il lockdown.

Secondo gli esperti dovrebbero infatti essere chiusi anche i Comuni che si trovano vicini ai focolai. Nel frattempo secondo le anticipazioni, da domenica mezza Italia finirà in zona arancione.

Covid: tante regioni in zona arancione

Come riporta il Corriere della Sera, il Governo si riunirà come di consueto nella giornata di domani per stabilire le nuove misure in previsione della prossima scadenza del Dpcm (5 marzo). Gli scienziati tuttavia temono una terza ondata, che secondo gli ultimi report potrebbe essere ancora più aggressiva della seconda.

A far paura sono soprattutto le varianti, soprattutto la brasiliana e la sudafricana, che ormai hanno preso il sopravvento anche nel nostro Paese. Il bollettino di ieri ha segnalato oltre 12000 contagiati e 369 vittime. Sorvegliati speciali i posti in terapia intensiva che non devono essere occupati oltre la soglia del 30%.

Secondo il ministero della Salute la variante più contagiosa è quella inglese, che registra un’incidenza del 18%. Un numero considerato in aumento. A Bolzano invece imperversa la variante sudafricana, mentre in Umbria e in Toscana quella brasiliana.

Nel frattempo stanno considerevolmente aumentando i lockdown locali. Pescara e Ancona si sono recentemente aggiunte agli altri Comuni. Gli scienziati chiedono di confinare anche i Comuni vicini ai nuovi focolai. È necessario rallentare il più possibile la diffusione del Covid.

Chiedono quindi maggiori restrizioni, come quelle che hanno interessato il nostro Paese a marzo dello scorso anno in piena prima ondata. Come detto a breve dovrebbe arrivare la decisione sulle regioni che probabilmente cambieranno colore al termine di questa settimana. Al momento sappiamo che sono 6 quelle che rischiano di più.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button