Attualità

Covid, Natale in zona rossa. Ma Conte vuole delle deroghe

A quanto pare ormai sembrerebbe davvero ufficiale: dobbiamo prepararci a trascorrere un Natale in zona rossa a causa del Covid e delle sue conseguenze. La decisione ufficiale è attesa nella giornata di oggi, ma le anticipazioni parlano chiaro.

Secondo gli ultimi aggiornamenti tutto il Paese sarà in zona rossa dal 24 dicembre al 3 gennaio, oppure addirittura fino al 6. In questo lasso di tempo, il 28, il 29 e 30 dicembre si potrà fare qualche strappo alla regola, come se ci trovassimo in zona arancione. Negozi e ristoranti chiusi e spostamenti non ammessi nemmeno all’interno del proprio comune.

Covid, Natale in zona rossa: l’ufficialità in arrivo

Una giornata all’insegna delle indecisioni, con due schieramenti pronti a darsi battaglia. Da una parte i rigoristi, guidati da Speranza e Franceschini, che chiedono un lockdown leggermente più leggero rispetto a quello della scorsa primavera. Italia in zona rossa quindi dal 24 a l 6 gennaio. Con una sola eccezione, il 28, 29 e 30 dicembre i cittadini dovranno attenersi alle restrizioni tipiche della zona arancione.

Conte è quindi ancora indeciso e insiste sulla possibilità di concedere, il giorno di Natale, delle deroghe per poter vedere i familiari. La mozione dei senatori Pd che chiedevano più libertà per gli spostamenti a Natale e Capodanno è stata sostituita da una mozione di maggioranza in cui chiedono una decisione più equa.

Come riporta il Corriere della Sera, un altro scenario probabile (quello richiesto dal Premier Conte), riguarda la possibilità della zona rossa nazionale solo il 24, 25, 26, 31 dicembre e l’1 gennaio. Negli altri giorni invece si tornerà in zona arancione. Si tratta però di una decisione per nulla condivisa dai rigoristi e dagli scienziati. Che non la ritengono troppo efficace per far abbassare la curva dei contagi e per evitare l’arrivo, a quanto pare scontato, della terza ondata.

E proprio a proposito di quest’ultima: Covid, la terza ondata fa paura: Gennaio e Febbraio i mesi più duri

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button