Attualità

Covid, le Regioni a rischio lockdown dopo Pasqua

Emergenza Covid, è in arrivo un nuovo Dpcm e secondo le ultime indiscrezioni ci sono alcune Regioni a rischio lockdown dopo Pasqua. La curva epidemiologica inizia a scendere leggermente, anche se molte in molte zone d’Italia i dati restano allarmanti.

Il Governo è proprio in queste ore a lavoro per un nuovo Dpcm, ma è ancora presto per fare ipotesi. I dati cruciali per decidere quali saranno le prossime misure di restrizione, saranno infatti quelli della prossima settimana. Nel frattempo però alcune Regioni sono più a rischio di altre. Vediamo insieme quali sono le ultime novità sulla gestione dell’emergenza sanitaria da Coronavirus.

Covid, nuovo Dpcm in arrivo: ecco le Regioni a rischio lockdown dopo Pasqua

Le decisioni su eventuali restrizioni o proroghe non ne sono state ancora prese e comunque le decisioni per fasce di colore resteranno fino a settembre.

Con queste parole, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha ribadito che per il momento non ci sono novità. Il Governo sta lavorando per un nuovo Dpcm in vigore da dopo Pasqua, anche se è ancora presto per parlare di notizie ufficiali.

L’unica cosa certa è che resterà la suddivisione in fasce di colore e che ci saranno novità per la scuola. Nel frattempo alcune Regioni confermano i dati da zona rossa: Veneto, Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Campania, Puglia, Marche e la Provincia Autonoma di Trento.

A queste Regioni potrebbero aggiungersi anche la Calabria, la Valle d’Aosta e la Toscana, che secondo l’ultimo monitoraggio rischiano di finire in zona rossa. La decisione come sempre è attesa per Venerdì, anche se l’andamento dei numeri sembra parlare chiaro.

Resta fiducioso il Lazio, che potrebbe tornare in zona arancione. Ricordiamo che a Pasqua saranno consentite le visite a parenti e amici per un massimo di 2 persone, esattamente come a Natale. In attesa di novità, ecco il video che arriva da Cesena, in cui Don Paolo rilancia la fake news sui vaccini: «Realizzati con feti vivi abortiti».

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button