Attualità

Covid, Enrico Ruggeri: “Fermiamo tutto per 1 positivo su 400? Qualcuno sta impazzendo”

È finito al centro della polemica Enrico Ruggeri, a causa di un controverso post su Twitter in cui si è sfogato, dando voce ai suoi pensieri. Il Covid-19 ha letteralmente stravolto le nostre vite da ormai quasi un anno. Mascherine, distanziamento sociale, aperture, chiusure, zone rosse, gialle e arancioni.

Sono tutte parole che ormai sentiamo tutti i giorni e con cui abbiamo imparato a convivere. Il Covid è ben lontano, purtroppo, da sparire dalla circolazione e a noi non resta che fare la propria parte. Le vittime continuano ad essere tante e i bollettini giornalieri arrivano puntuali. È proprio per questo motivo che le parole di Enrico Ruggeri appaiono poco sensate.

Enrico Ruggeri: lo sfogo su Twitter

In uno sfogo su Twitter, Enrico Ruggeri ha affermato:

Giro con la mascherina, mi disinfetto, faccio un tampone alla settimana e lo faccio fare a tutti quelli che lavorano per me. Ma se mi dicono che una regione deve fermare tutto (socialità, economia, contatti) se c’è UN POSITIVO OGNI 400 PERSONE penso che qualcuno sta impazzendo

Le sue parole non sono, naturalmente, passate inosservate e hanno provocato l’ennesima polemica. Dopotutto non è una novità vedere virologi, scienziati e medici scontrarsi quotidianamente sui social a causa delle divergenze. Nei mesi scorsi sono stati molti anche i vip, esattamente come qualsiasi altra persona non famosa, a lamentarsi per la situazione drammatica che stiamo vivendo.

I commenti si sprecano, fra chi è d’accordo con il cantante e chi invece lo accusa di aver fatto un discorso superficiale, gli utenti hanno dato vita a una vera e propria polemica. Non è comunque la prima volta che Enrico Ruggeri ha parlato del Covid. Qualche mese fa aveva auspicato a una sorta di equilibrio, affermando:

Capisco che c’è un’emergenza, rispetto i protocolli, però mi preme ricordare non possiamo rinunciare a vivere per paura di morire. È contro natura

Nel frattempo: Nuovo Dpcm 16 Gennaio, 8 Regioni a rischio arancione e una rossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button