Attualità

Covid, colori Regioni: oggi cambiano. Ecco cosa può succedere

Covid, nella giornata di oggi si decidono i colori delle regioni. Al momento 16 sono nella zona gialla, 5 in arancione e nessuna nella rossa. Ma la situazione è probabilmente destinata a cambiare. Vediamo quali sono le premesse.

Il ministro della Salute Roberto Speranza è in attesa dei dati relativi al monitoraggio settimanale dell’Iss. Solo sulla base di quei dati e sull’esito della riunione con la Cabina di Regia, firmerà la nuova ordinanza.

Covid: le regioni cambiano colori

Come riporta Il Resto del Carlino, fino al 15 febbraio resterà valido il divieto di spostarsi tra regioni se non per motivi di lavoro, necessità e salute. Ancora in vigore anche il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino. Al momento l’unica ipotesi certa è che nessuna regione passerà in zona bianca, ovvero la fascia che equivale a un semi ritorno alla normalità.

Emilia Romagna, Marche, Veneto, Val d’Aosta, Lombardia, Piemonte, Lazio, Campania, Liguria e Calabria restano quasi sicuramente in zona gialla. E probabilmente lo stesso vale per la Toscana. A rischio la provincia di Trento, l’Abruzzo, il Molise e il Friuli Venezia Giulia.

L’Umbria invece ha elevate possibilità di finire addirittura in rossa. L’indice Rt è vicino all’1 e il rapporto positivi-casi testati è del 23,6%, con un incremento dei casi del 6%.

Chi spera e chi rischia: le ipotesi

Una cosa è certa: nessuna regione riuscirà a passare in zona bianca, la fascia che prevede le restrizioni più blande. Tra le regioni presenti in zona gialla non rischiano retrocessioni in arancione Emilia Romagna, Marche, Veneto, Val d’Aosta, Lombardia, Piemonte, Lazio, Campania, Liguria e Calabria. Dovrebbe restare in questo gruppo anche la Toscana.

A rischio, invece, il Molise (Rt sopra 1). Non dormono sonni troppo tranquilli neppure la provincia di Trento, il Friuli Venezia Giulia e l’Abruzzo.

L’Umbria invece probabilmente finirà in zona rossa. I numeri non sono positivi e lo stesso vale per i posti in terapia intensiva. Rimangono in arancione la Sicilia e la Provincia di Bolzano che sperano di passare in gialla dalla prossima settimana.

Stessa speranza anche per Puglia e la Sardegna che presenta una situazione in notevole miglioramento. Nel frattempo l’Ecdc, il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattia, ha pubblicato una mappa aggiornata del quadro pandemico del Covid nell’Unione.

In Italia alcune zone risultano idonee per la fascia rosso scuro. Sono il Friuli Venezia Giulia e la Provincia autonoma di Bolzano. Al momento risulta confermata l’esclusione del Veneto e dell’Emilia Romagna. Ma qual è il criterio con cui si identifica questa nuova fascia? Il superamento dei 500 casi cumulativi per 100 mila abitanti negli ultimi 14 giorni.

Nel frattempo in Campania: Covid, l’omelia del parroco no-vax fa discutere: “Il vaccino è una porcheria”

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button